Logo ImpresaCity.it

Istat, ordinativi e fatturato industriale in crescita

L'industria italiana a maggio registra un aumento negli ordinativi e nel fatturato. Lo rende noto l'Istat.

Redazione ImpresaCity

Industria in netta ripresa in Italia. Secondo le ultime statistiche Istat, nel mese di maggio gli ordinativi hanno registrato una crescita del 3,2% rispetto ad aprile e del 26,6% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso. Si tratta del dato tendenziale più alto dal 2005, ovvero da quando esistono le serie storiche.
Il fatturato è aumentato dello 0,8% congiunturale e del 12,5% tendenziale, e nel dettaglio si nota una crescita dello 0,9% sul mercato interno e dello 0,5% su quello estero.
Gli indici destagionalizzati del fatturato per raggruppamenti principali di industrie hanno segnato variazioni congiunturali positive per l'energia (+2,9%), per i beni intermedi (+1,4%), per i beni strumentali (+0,2%) e per i beni di consumo (+0,2%, con -0,1% per quelli durevoli e +0,2% per quelli non durevoli).
In maggio, nel confronto con lo stesso mese del 2009, l'indice del fatturato corretto per gli effetti di calendario, ha segnato le variazioni positive più significative nei settori della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati (+28,5%), della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+21,6%)e delle fabbricazioni di prodotti chimici (+19,9%); contrazioni si sono rilevate nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-7,1%), nell'estrazione di minerali da cave e miniere (-5,9%) e nelle industrie alimentari, bevande e tabacco (-1,3%).
Gli incrementi più rilevanti dell'indice grezzo degli ordinativi hanno riguardato la fabbricazione di mezzi di trasporto (+60,9%), la fabbricazione di computer, prodotti di elettronica e ottica, apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi (+37,9%) e la fabbricazione di macchinari e attrezzature n.c.a. (+33,3%).
Pubblicato il: 22/07/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud