Logo ImpresaCity.it

Referendum di Pomigliano, vincono i si con il 62%

Il 62% dei dipendenti Fiat di Pomigliano d'Arco ha votato "Si" al referendum per approvare l'accordo tra il Lingotto e i sindacati. I "No" arrivano al 36%, un dato da prendere in considerazione, molto basso il tasso di astensionismo, solo il 2,5%.

Redazione ImpresaCity

Nel referendum per decidere le sorti dello stabilimento Fiat di Pomigliano d'Arco hanno vinto i "Si": 2888 dipendenti (il 62,2% dei votanti) si sono espressi infatti a favore dell'accordo tra Fiat e i sindacati Uil-Fim-Ugl-Fismic, mentre i "No" sono stati 1.673 (36%), 59 le schede nulle e 22 le bianche.
Lo scrutinio si è protratto nella nottata, fino alle 4 di stamattina. Significativo il basso tasso di astensionismo: solo il 2,5% ha deciso di non partecipare alla votazione.
In pratica, la maggioranza dei dipendenti ha accolto le proposte di Sergio Marchionne relative a turni di lavoro più flessibili, benefici limitati in alcuni casi (come per la malattia) e norme restrittive sugli scioperi, assenze varie, che potranno essere sanzionati.
Per conoscere la reazione del Lingotto al referendum, occorrerà aspettare qualche giorno: "non prendiamo mai decisioni a caldo. Tantomeno lo faremo in questo frangente", ha dichiarato la società torinese in un comunicato.
Anche sul fronte del No non si sono avute ancora reazioni se non quella che effettvamente non è stato registrato il plebliscito per il Si, come da molti ventilato.
Pubblicato il: 23/06/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud