Logo ImpresaCity.it

Zucchetti, Internet-Open-Standard i paradigmi della strategia 2.0

La strategia 'anticrisi' poggia su soluzioni in ambiente web che garantiscono l'accessibilità e la condivisione allargata delle informazioni attraverso il browser, il governo delle attività lavorative e dei processi aziendali, la digitalizzazione di dati e documenti.

Autore: Redazione ImpresaCity

Nel corso della IX edizione di ICT Trade, appuntamento dedicato al canale distributivo, tenutosi nei giorni scorsi, Zucchetti ha esposto come intende rispondere ai nuovi modelli tecnologici emergenti che le aziende si trovano di fronte, quali: web 2.0, SaaS, cloud computing, virtualizzazione, dematerializzazione.
Zucchetti ha già realizzato quello che chiedono le aziende, ossia una nuova generazione di soluzioni in ambiente web che garantisce l'accessibilità e la condivisione allargata delle informazioni attraverso il browser, il governo delle attività lavorative e dei processi aziendali, la digitalizzazione di dati e documenti.
Zucchetti 2.0 è un progetto denominato Infinity Project, che comprende la tecnologia di base, gli strumenti di sviluppo, il framework applicativo e un'ampia gamma di soluzioni: Erp, gestione del personale, gestione documentale, business process management, CRM, business intelligence, portali B2B/B2C e infine un verticale per lo studio commercialista e i centri elaborazione dati.
Oggi Zucchetti si sente pronta a rispondere alla nuova domanda di IT con soluzioni web, integrate tra loro e disponibili in diverse modalità (licenza, hosting, Software as a Service) per dare al cliente la massima libertà di scelta.
E in questo nuovo scenario Zucchetti assegna ai Partner il ruolo decisivo di presidio del territorio, in grado di sviluppare soluzioni specifiche per i mercati verticali, utilizzando direttamente il codice sorgente delle applicazioni base e il linguaggio di sviluppo che genera il software Zucchetti.
Pubblicato il: 22/06/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza