Logo ImpresaCity.it

La mobilità accentua il peso delle direzioni marketing

Forrester registra il progressivo mutamento dei ruoli aziendali, dovuto alla diffusione soprattutto di smartphone e tablet.

Roberto Bonino

La mobilità continua a rappresentare un importante fronte di investimento nelle aziende, ma la sua crescita sta non solo rivoluzionando le modalità d’uso della tecnologia, ma anche agendo sugli equilibri organizzativi interni. Un recente studio di Forrester evidenzia come ci siano due aspetti di profondo cambiamento in corso: da un lato l’immediatezza (l’informazione deve sempre essere accessibile) e dall’altro l’ubiquità (l’accesso deve poter avvenire da qualunque luogo o device).
Pertanto, i Cio non sono più i soli depositari delle decisioni sull’uso e l’acquisto di tecnologia in azienda. Secondo Forrester, è la direzione marketing ad acquisire un ruolo di leadership nella rivoluzione mobile, con un cambiamento radicale legato alla diffusione dei tablet e degli smart phone.
L’analista sottolinea come soprattutto i tablet potranno apportare mutamenti radicali nell’esperienza utente anche rispetto ai telefoni di nuova generazione. Le imprese, quindi, non avranno altra scelta se non quella di accompagnare la rivoluzione in corso. La governance degli strumenti mobili dovrà essere caratterizzata dall’adozione di procedure più stringenti.
Il Cio potrà ancora giocare un ruolo importante. Forrester rileva come la mobilità comporti la crescita dei Big Data, legata la necessità di erogare nuovi servizi agli utenti. L’aggiornamento architetturale resta un’importante responsabilità per i Cio. Per contro, l’analista non crede a uno sviluppo significativo, perlomeno nel 2013, delle tecnologie Nfc e dell’automazione cross-channel.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 28/02/2013

Tag:

Speciali

speciali

Anche i sistemi ICS hanno bisogno di protezione | #icsalsicuro

speciali

La sicurezza informatica al servizio della digital transformation