Logo ImpresaCity.it

iPad, gli analisti alzano le stime di vendita

Le vendite dell'iPad dovrebbero arrivare a quota 5,5 milioni nell'anno in corso per poi incrementare fino a 13 milioni il prossimo anno. Queste sono le stime riportate dall'agenzia Bloomberg, che riprendono le affermazioni dell'analista Phil Cusick di Macquarie Group.

Redazione ImpresaCity

Secondo l'agenzia Bloomberg le vendite di iPad potrebbero raggiungere quota 5,5 milioni di unità quest'anno e 13 milioni il prossimo anno. Phil Cusick, analista di Macquarie Group, ha rivisto al rialzo, del 57% e 63%, le sue precedenti stime di vendita del tablet Apple per il 2010 e 2011. 
Dal canto su il CEO Apple Steve Jobs, intervenuto recentemente alla D8 Conference, ha rivelato come iPad sia stato progettato anche prima di iPhone, ma che il progetto fu accantonato per sviluppare al meglio lo smarphone. Ma analizzando i primi mesi di vita del tablet ha commentato: "finora, possiamo dire che alla gente l'iPad sembra piacere: dal lancio ne abbiamo venduto uno ogni tre secondi".
Anche in nel nostro Paese iPad sta vendendo bene. Sembra infatti che anche in Italia, seguendo un trend mondiale, le scorte negli Apple Store si stiano esaurendo, tanto che i negozi hanno iniziato a stilare liste di prenotazione per far fronte alle numerose richieste rimaste inevase.
E addirittura, secondo quanto rivelato da Piper Jaffray, analista di Gene Munster, le scorte a magazzino delle tavolette Apple sarebbero finite presso molti rivenditori sia in Asia che in Europa. Lunedì scorso circa il 36% dei rivenditori Apple di Gran Bretagna, Francia, Giappone e Australia avevano esaurito i modelli Wi-Fi e 3G.
Lunedì scorso Apple, cercando di rispondere alle richieste, avrebbe deciso di incrementare la produzione mensile di un milione di unità fino a giungere a quota due milioni e mezzo.       
Pubblicato il: 06/06/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud