Logo ImpresaCity.it

Uk, primo uomo "infettato" da virus per Pc

Uno scienziato dell'Università di Reading si è impiantato in una mano un chip Rfid contenente un virus per computer, che si è propagato ad altri dispositivi presenti nel laboratorio. L'esperimento ha accertato che anche le tecnologie impiantabili (compresi i pacemaker) possono essere infettati dal malware.

Redazione ImpresaCity

Dal Regno Unito arriva una notizia che ha del film di fantascienza. Uno scienziato inglese ha dichiarato di essere stato "il primo uomo al mondo infettato da un virus per Pc".
Mark Gasson, protagonista della vicenda, è uno scienziato del Cybernetic Intelligence Research Groupdell'Università di Reading, che un anno fa, per scopi scientifici, ha deciso di impiantarsi in una mano un chip Rfid(con identificazione a radio-frequenza) contenente un virus per computer.
Risultato: il virus dal corpo dell'uomo si è propagato ai dispositivi presenti nel laboratorio, compreso il Pc principale con il quale comunicava.
In realtà l'organismo dello scienziato non ha avuto nessun effetto negativo in seguito all'esperimento. Ma "la ricerca dimostra che la tecnologia impiantabile si è sviluppata a tal punto che gli impianti sono in grado di comunicare, memorizzare e processare i dati -  ha spiegato lo stesso Gasson - ciò significa che, come i computer tradizionali, possono essere infettati dai virus e la tecnologia dovrà camminare al passo con questi impianti".
La notizia diventa abbastanza preoccupante se si considera che, con il passare del tempo, sono sempre di più le apparecchiature elettroniche che vengono impiantate nell'organismo umano per regolarne le funzionalità. Basti pensare, per esempio, ai pacemaker o agli impianti cocleari (orecchie artificiali).
In futuro dovremo curarci con massicce dosi di software antivirus?
Pubblicato il: 27/05/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud