Logo ImpresaCity.it

Reputation Institute, Google è l'azienda più affidabile del mondo

Secondo il Global Reputation Studio Press 2010, Google è l'azienda più affidabile al mondo. Segue a stretta distanza Sony.

Autore: Redazione ImpresaCity

Google è la società più affidabile del mondo. Ad affermarlo è lo studio Global Reputation Studio Press 2010, condotto dal Reputation Institute su un campione di consumatori provenienti da 24 diversi paesi.
Scopo dell'indagine era identificare quali sono le aziende con la reputazione migliore presso i clienti, quelle cioè più apprezzate e rispettate dal pubblico a livello globale.
La società di Mountain View ha conquistato la vetta della classifica con il 78,62% delle preferenze. Segue a brevissima distanza Sony, con il 78,47%. Dopo di loro, completano la top ten The Walt Disney Company (77,97%), Bmw (77,77%), Daimler / Mercedes Benz (76,83%), Apple (76,29%), Nokia (76,00%), Ikea (75,60%), Volkswagen (75,55%) e Intel (75,39%).
Come si può notare, le aziende tecnologiche godono quindi generalmente di una buona reputazione presso il pubblico. "La tecnologia ha una forte presenza nel ranking globale -  conferma il presidente del Reputation Institute Charles Fombrun - aziende come Google, Sony, Apple, Nokia, Intel e Microsoft hanno conquistato la nostra fiducia e il nostro rispetto perchè sono tutti fornitori di soluzioni pervasive che influenzano la nostra vita quotidiana". 
Per trovare prodotti italiani bisogna scendere alla 19esima posizione, dove troviamo il marchio Barilla con il 72,45% delle preferenze, e alla 21 esima posizione, occupata da Ferrero con il 72,36%.
Lo studio, basato sul concetto del Reputation Pulse, ha approfondito in particolare le sette dimensioni essenziali della reputazione: qualità di offerte di prodotti e servizi, innovazione, leadership, ambiente di lavoro, cittadinanza, integrità, e risultati finanziari.
Pubblicato il: 26/05/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud