Logo ImpresaCity.it

Pec: crescono le adesioni delle Pubbliche Amministrazioni

Per effetto dei solleciti di DigitPA e Formez e delle verifiche ispettive inviate dal Ministro Brunetta, sono in aumento le Pubbliche Amministrazioni che si sono adeguate alla nuova normativa inerente alla Posta Elettronica Certificata.

Redazione ImpresaCity

Continuano ad aumentare di ora in ora le Pubbliche Amministrazioni che hanno finora pubblicato uno o più indirizzi di Pec sul proprio sito istituzionale così come nell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni. A queste se ne aggiungono molte altre che si sono impegnate a fare altrettanto nei prossimi giorni. 
All'indomani del Pec-Day e rispetto a qualche giorno or sono, la situazione appare quindi migliorata grazie ai ripetuti solleciti effettuati da DigitPA Formez così come per effetto delle verifiche ispettive che, su mandato del MinistroBrunetta, ha effettuato in tutta Italia l'Ispettorato della Funzione Pubblica.
Il Ministero PA ha tenuto a ricordare nuovamente che la "Riforma Brunetta della Pubblica Amministrazione" (Decreto Legislativo n.150 del 27 ottobre 2009) prevede che il mancato assolvimento degli obblighi relativi alla Pec influisca negativamente ai fini della valutazione della performance individuale e organizzativa per la corresponsione della retribuzione di risultato ai dirigenti degli uffici preposti. 
Ancora nei giorni scorsi è stata inviata in formato digitale a tutte le Amministrazioni la seconda circolare sulla Pec(circolare n.2/2010/DDI) con la quale il Ministro Brunetta ha ricordato nuovamente gli adempimenti relativi alla Posta elettronica certificata. Nell'ambito dell'iniziativa "Linea Amica", è stato infine messo a disposizione un servizio di assistenza (Numero verde 800.254.009) per facilitare l'attivazione e la pubblicazione degli indirizzi di Pec da parte delle singole Amministrazioni in ritardo rispetto agli obblighi di legge.
Pubblicato il: 28/04/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud