Logo ImpresaCity.it

V-Alliance, il marchio che unisce le strategie Microsoft e Citrix

L'accordo approvato anche da Intel prevede una serie di iniziative a supporto delle rispettive offerte in ambito di virtualizzazione.

Autore: Redazione ImpresaCity

Per raggiungere e mantenere competitività nel settore della virtualizzazione, Microsoft può contrare meno, rispetto a rivali come VMware e Ibm, sull'esperienza. Per questo, diventa fondamentale individuare i partner ideali a sviluppare e divulgare l'offerta. Va in questa direzione l'accordo stretto con Citrix Systems (con cui ha in essere già una forte relazione) per il lancio di V-Alliance, un programma comune che punta a riunire e supportare i partner delle due società specializzati nella virtualizzazione di server e desktop. Nell'accordo è coinvolta parzialmente anche Intel, la quale ha espresso il proprio sostegno all'iniziativa. 
Gli aderenti all'iniziativa potranno partecipare agli eventi, ai roadshow, ai programmi marketing e ai programmi di approntamento tecnologico previsti sotto l'egida della V-Alliance. Ai partner aderenti sarà fornita anche un'apposita formazione finalizzata alla certificazione e, successivamente, essi potranno ricevere contatti di potenziali clienti da ciascuna delle due società. 
Il programma è già stato sperimentato in Germania e Austria, e ora sarà esteso anche a Benelux, Scandinavia, Spagna, Italia, Portogallo, Irlanda, Svizzera. A questi Paesi seguiranno nei prossimi mesi anche Francia, Regno Unito e le regioni dell'Europa Orientale e del Medio Oriente.
Portali Web localizzati in lingua terranno aggiornati i partner con materiale di formazione, seminari e proof-of-concept. 
Nei prossimi mesi il programma V-Alliance sarà esteso ai clienti congiunti per aiutarli a concretizzare il valore che scaturisce nel business combinando le tecnologie Microsoft, Citrix e Intel.
Pubblicato il: 16/02/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud