Logo ImpresaCity.it

Commvault, pro e contro del cloud storage

Molte aziende stanno valutando il cloud storage per stare al passo con la rapida crescita dei dati e ridurre i costi IT interni. Le preoccupazioni riguardano sicurezza, complessità e affidabilità, soprattutto perché la protezione dei dati mission-critical rimane la loro principale priorità.

Redazione ImpresaCity

Cresce l'interesse verso il cloud storage; non mancano però le preoccupazioni legate a sicurezza e affidabilità. Le aziende guardano ai  servizi cloud soprattutto per ridurre i costi, gestire volumi di dati in crescita, sostituire i nastri e potenziare il disaster recovery offsite. I principali freni riguardano invece la sicurezza e privacy
Sono alcune evidenze che risultano da un recente sondaggio CommVault condotto sui clienti di tutto il mondo per verificare l'interesse nei servizi di cloud storage. Condotto su aziende di tutte le dimensioni (il 50% con oltre 1.000 dipendenti), il sondaggio ha raccolto 535 risposte. Di queste circa 60% gestisce tra i 6 e i 75 TB di dati e ha confermato la tendenza delle aziende a valutare con attenzione i vantaggi principali offerti da servizi di cloud storage.
Il 52% del campione sta considerando l'utilizzo di questi servizi oggi o in futuro, per gestire i volumi di dati crescenti, sopperire a limiti di capacità storage e data center più estesi, requisiti di conservazione più lunghi e infrastrutture di storage costose.
Tra i principali benefici del cloud storage indicati dal campione rientrano, in ordini di importanza il disaster recovery offsite (per il 33% del campione), la capacità di sostituire o integrare le soluzioni a nastro, la possibilità di sfruttare modelli di pricing flessibili, ridurre i costi complessivi grazie a minori spese di capitale hardware, diminuire le dimensioni dello storage nel data center e aumentare la capacità storage.
Le principali preoccupazioni sono invece relative alla transizione al modello cloud storage (per il 75% degli intervistati): al primo posto vi sono sicurezza e privacy (30%).Solo il 17% ha indicato come  preoccupazione numero uno il costo dell'implementazione dei servizi cloud, mentre l'affidabilità è risultata più significativa del costo ed è stata indicata come preoccupazione principale dal 20% degli intervistati. Dopo il costo si posiziona la scalabilità.
Il 43% dei partecipanti prevede di archiviare tra i 6 e i 75 TB di dati nel cloud, mentre il 60% gestisce attualmente in-house la stessa quantità di dati su storage primario. Inoltre, quasi il 50% sposta tra i 6 e i 75 TB di storage su nastro al mese per offsite vaulting. Una volta che i dati sono nel cloud, il 24% degli intervistati pensa di conservarli per oltre 6 anni, mentre l'8% li terrà per oltre 10 anni. Per i clienti che pensano di avvalersi del cloud, il 31% prevede di dedicare tra 1,6 e 30 Mbps di banda esclusivamente all'accesso cloud storage, mentre il 15% ha in programma di destinare tra 31 e 130 Mbps.
Commvault è impegnata a comprendere l'impatto di esigenze di data management in forte crescita, garantendo al tempo stesso che i miglioramenti al software Simpana siano volti a risolvere le principali problematiche dei clienti. 
Pubblicato il: 25/01/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud