Logo ImpresaCity.it

Riverbed dà un'accelerazione alla cloud

La società porta i vantaggi della Wan optimization dalle cloud private alle applicazioni e allo storage delle cloud pubbliche.

Redazione ImpresaCity

Sulla base dei risultati ottenuti supportando aziende grandi e piccole nella costruzione di cloud private, Riverbed svilupperà prodotti per accelerare cloud aziendali e del settore pubblico a partire dal 2010. La notizia arriva dal recente evento che la società ha tenuto a New York per il lancio della cloud.
Il primo prodotto sviluppato sarà Steelhead virtuale per la cloud, che andrà ad aggiungersi alla famiglia di prodotti di Wan optimization di Riverbed.
Riverbed ha presentato anche una nuova tecnologia per l'accelerazione di cloud storage.
Da oltre cinque la società fornisce soluzioni per la Wan optimization, che supera le barriere delle performance per consolidare le infrastrutture IT in cloud private. Questi stessi problemi di performance riguardano anche le grandi aziende che si rivolgono verso le cloud pubbliche.
Nei disegni della società i prodotti in arrivo consentiranno ai clienti di superare questi ostacoli per le applicazioni cloud e per il cloud storage, cominciando con Steelhead virtuale per la cloud. L'obiettivo è ottenere i vantaggi promessi dalle cloud pubbliche, garantendo nel contempo lo stesso accesso a elevate prestazioni per le applicazioni e lo storage che sono abituati ad aspettarsi dalle loro cloud private, accelerate con le soluzioni Riverbed.
Attualmente Riverbed fornisce soluzioni per cloud private e ha operato con numerose organizzazioni per realizzare infrastrutture centralizzate e virtualizzate. La famiglia di prodotti Riverbed Steelhead offre alle aziende l'accelerazione delle applicazioni e dei dati indipendentemente dalla loro ubicazione, compresi gli uffici remoti, i data center privati e i lavoratori mobili. Steelhead virtuale per la cloud, estende i benefici di Riverbed di Wan optimization per accelerare le performance delle applicazioni e trasferimenti di dati nelle cloud private, pubbliche e ibride.
Sul fronte dello storage molte imprese e molti enti pubblici vedono la migrazione dello storage come un'opzione interessante per ragioni operative e di costi. Le esigenze di storage stanno esplodendo; uttavia, le preoccupazioni circa le prestazioni, la necessità di riscrivere le applicazioni, e quelle dovute al timore di legarsi a un solo vendor, potrebbero bloccare lo spostamento dello storage verso la cloud. In maniera analoga a come ha affrontato le inefficienze fondamentali dei protocolli per le applicazioni (utilizzati sulle Wan), dando luogo a guadagni di performance, Riverbed ha presentato nuove tecnologie avanzate che affrontano le inefficienze dei protocolli di block storage consentendo guadagni di performance sulla Wan. Questa innovazione permette che lo storage e il computing siano a migliaia di chilometri di separazione, trasformando la Wan in una San (iSCSI). A detta di Riverbed le nuove tecnologie presentate cambieranno il modo in cui si concepisce oggi lo storage, che non non dovrà più essere legato al server a livello locale. Questo permetterà agli amministratori IT di dislocare e spostare gli asset storage in tutto il mondo, anche a migliaia di chilometri di distanza, per realizzare le architetture più intelligenti ed efficaci in termini di costo. Questa funzionalità consentirà anche alle aziende di unire la cloud pubblica e quella privata, per godere del meglio di entrambi i mondi.
Pubblicato il: 27/11/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud