Logo ImpresaCity.it

Windows 7 non spia gli utenti

Microsoft smentisce categoricamente che in Windows 7 ci siano backdoor per intercettare le informazioni degli utenti Collaborazione minima da parte della National Security Agency.

Redazione ImpresaCity

Un portavoce di Microsoft ha smentito seccamente l'indiscrezione nata all'inizio di settimana scorsa secondo cui in Windows 7 sarebbero presenti delle backdoor utilizzabili per intercettare informazioni dell'utente.
La voce si era diffusa dopo che un funzionario della National Security Agency, tale Richard Schaeffer, aveva rivelato che la sua agenzia aveva collaborato a "migliorare le politiche di sicurezza di Windows 7". La notizia ha subito allarmato l'opinione pubblica, preoccupata che la NSA potesse "spiare" gli utenti dell'Os: l'ente americano, infatti, è molto famoso proprio per le attività di intercettazione.
Ben coscia di questo fatto Microsoft ha disambiguato la situazione dichiarando che la NSA ha collaborato solo in misura minima a Seven e solo riguardo al Security Compliance Management Toolkit, un tool mirato alle aziente per aiutarle a migliorare la sicurezza di Windows e Office.
Niente "microspie" nel codice di Windows, quindi. Resta da chiedersi perché Microsoft abbia accettato, se le dichiarazioni corrispondono a verità, l'aiuto della NSA. La minaccia della trasparenza e della privacy è palese ed è impossibile che Microsoft non l'abbia preventivata. Soprattutto ora che con Windows 7 l'immagine del colosso di Redmond sta migliorando, la scoperta di un fatto del genere sarebbe un autogol clamoroso.
Pubblicato il: 25/11/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud