Logo ImpresaCity.it

Le banche italiane, nonostante la crisi, continuano ad investire nell'IT

Dall’Osservatorio Abi sui costi operativi delle banche italiane emerge che, nonostante la crisi, il sistema continua a investire in tecnologia: l’aggregato “costi informatici” ha registrato l’incremento più sensibile (390 milioni, +19%).

Redazione ImpresaCity

Se nel 2008 i costi amministrativi delle banche italiane sono cresciuti di qualche punto percentuale, in valore assoluto la voce che ha contribuito maggiormente all’aumento complessivo sono stati i “costi informatici”, saliti del 19% o di 390 milioni. Nonostante la crisi, insomma, le banche italiane continuano a investire in tecnologia.
In generale, le spese amministrative degli istituti sono leggermente aumentate (+4,4% annuo), in controtendenza rispetto al 2007, quando erano calate del 2,9%.
Questi i maggiori spunti offerti dall’edizione 2009 dell’Osservatorio Abi sui costi operativi delle banche. Il monitoraggio Abi restituisce una fotografia approfondita dell’andamento rilevato nel 2008, annata in cui i gruppi bancari italiani hanno sostenuto spese amministrative per 17,6 miliardi di Euro, pari a circa un quarto del margine di intermediazione realizzato. Rispetto all’anno precedente si registra un aumento del 4,4%, corrispondente a 742 milioni, effetto di maggiori oneri prodotti dall’incremento di dieci voci di costo (per complessivi 1.122 milioni) compensati solo parzialmente da 380 milioni di risparmi ottenuti grazie alla riduzione di sette componenti di costo.
Per quanto concerne i principali aumenti dei costi sostenuti nel 2008 dal sistema, le voci che hanno fatto segnare i maggiori aumenti in valore assoluto sono i “canoni passivi per elaborazioni presso terzi” (390 milioni, pari a +19,1%), le “altre spese” (333 milioni, +11%), i costi per “manutenzione e noleggio hardware e software” (105 milioni, +7,9%) e i costi per “energia elettrica, riscaldamento e acqua” (103 milioni, +17,1%). Tra i maggiori risparmi, invece, il contributo più rilevante lo ha garantito la riduzione delle “spese telefoniche, postali e trasmissione”.
Pubblicato il: 04/11/2009

Tag:

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce