Logo ImpresaCity.it

WWW: i primi 40 anni di Internet

Il 29 aprile 1969, in una stanza dell’Università della California, avveniva il primo collegamento tra due computer siti ad oltre 500 km di distanza. L’esperimento riuscì solo in parte ma da quel piccolo episodio sarebbe nata la prima rete, chiamata Arpanet, che avrebbe generato poi una delle tecnologie che hanno cambiato la nostra realtà di ogni giorno: internet.

Autore: Andrea Sala

Era il 29 aprile 1969 quando, in una stanza dell’Università di Los Angeles, fu tentato il primo esperimento di trasmissione dati fra due computer fisicamente lontani, oltre 500 km.
Il professor Leonard Kleinrock, in collegamento telefonico con i colleghi dell’Università di Stanford, doveva trasmettere solo la parola “login” al computer dell’altro ateneo. A fare da nodo fra le due macchine un terzo calcolatore, denominato Imp, incaricato di smistare i pacchetti di informazioni, potenzialmente a infiniti utenti.
Non si trattava, quindi, di un’email complessa, non di un file di grandi dimensioni, ma una semplice parola che, all’epoca, rappresentava un’impresa straordinaria. Per dire la verità l’esperimento non riuscì completamente in quanto il professo Kleinrock riuscì a spedire solo le prime due lettere della parola prescelta, prima che un crash di sistema lo interrompesse. Erano i primissimi passi di Internet, o meglio di Arpanet, nome della prima rete di computer nata anche in seguito alle ricerche di Kleinrock.
Arpanet nacque nel settembre del 1969 su iniziativa dell’Arpa, (Advanced Research Projects Agency), un progetto del Dipartimento della Difesa americano. La prima rete vide la luce quando l’ente sentì l’esigenza di far “comunicare” fra loro i diversi computer impegnati in altrettanti progetti di ricerca. La nascita di Arpanet doveva essere la risposta “tecnologica” al lancio dello Sputnik russo. Una risposta che ha surclassato di gran lunga il progetto spaziale sovietico, diventando una delle tecnologie più importanti dell’era moderna.
Il professor Kleinrock fu uno degli studiosi più influenti nel campo, tuttavia non è il solo “padre” di internet. La rete infatti conta centinaia, forse migliaia di scienziati, studiosi ed esperti che hanno dato il loro contributo allo sviluppo del web: Vinton Cerf, Steve Crocker, Jon Postel, Mike Wingfield, Ben Barker sono solo alcuni di essi.
Kleinrock fu però il più lungimirante: in un comunicato divulgato dall’Università e datato 3 luglio 1969 il professore parlava già di una rete sempre funzionante, sempre disponibile, presente in tutti i luoghi e liberamente accessibile a tutti. Quel tipo di rete era pensata per trasmettere dati e mai Kleinrock avrebbe pensato che sarebbe diventata così presto un fenomeno capace di cambiare la vita del genere umano, eliminando tutti gli ostacoli legati alla razza, religione o credo politico: la rivoluzione digitale era appena cominciata.
Pubblicato il: 30/10/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud