Logo ImpresaCity.it

Tandberg, integrazione video nelle piattaforme di comunicazione unificata

Tandberg Vcs può riunire i mondi H.323 e Sip; la migrazione da H.323 a Sip può essere fatta in modo facile lasciando i terminali e l’infrastruttura H.323 esistenti e utilizzando Sip per l’integrazione con le piattaforme VoIP o di unified communication.

Redazione ImpresaCity

Telepresenza e videoconferenza aiutano le organizzazioni a fronteggiare pressioni economiche come la riduzione dei viaggi e della produttività del personale. Secondo previsioni di Frost & Sullivan il mercato globale del video raggiungerà i 4,7 miliardi  di dollari entro il 2014; un dato che evidenzia come la tecnologia contribuirà sempre più a portare benefici alle aziende estendendo la videoconferenza dalle sale riunioni alle postazioni individuali. Il Roi, però, per il video di gruppo o personale si realizzerà attraverso l’integrazione all’interno di piattaforme di unified communication (UC).
La unified communication, come si sa, sta trasformando il modo di lavorare delle aziende, permettendo alle persone di comunicare e collaborare virtualmente da ogni luogo e con qualsiasi dispositivo.
Tandberg in quest’ambito mette in campo una soluzione end-to-end che offre funzionalità dual stack H.323/Session Initiation Protocol (Sip), in grado di combinare il mondo delle attuali soluzioni di telepresenza e videoconferenza con il VoIP e l’UC, in modo da permettere alle imprese di ottenere il massimo dai propri investimenti.
Sip è lo standard maggiormente utilizzato per integrare più strumenti di business in un ambiente UC. Nonostante ciò, dato che molti prodotti di videoconferenza utilizzano protocolli H.323 o proprietari, l’integrazione del video con le piattaforme UC e i desktop UC spesso si rivela costoso e impegnativo. Tandberg ha cercato di risolvere questo problema con il Video Communication Server (Vcs) che permette a Sip e H.323 di interoperare senza richiedere alcun investimento supplementare in hardware o software, in modo da assicurare l’interoperabilità dei prodotti Tandberg con soluzioni e strumenti di terze parti come Microsoft Office Communications Server 2007 R2 e VoIP PBXes.
La migrazione da H.323 a SIP può essere fatta in modo facile lasciando i terminali e l’infrastruttura H.323 esistenti e utilizzando Sip per l’integrazione con le piattaforme VoIP o di unified communication. Significa che videoconferenza e telepresenza non sono isolate, che non è necessaria alcuna modifica alla rete per abilitare l’UC al video.  
Pubblicato il: 05/10/2009

Tag:

Speciali

speciali

Cybertech Europe 2018

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce