Logo ImpresaCity.it

Microsoft rafforza l’interoperabilità con il mondo open source

Microsoft ha presentato i traguardi raggiunti nell’ambito open source: in primo piano la collaborazione con il mondo Linux attraverso l’offerta di 20.000 stringhe di codice alla comunità Linux kernel.

Autore: Redazione ImpresaCity

In occasione della manifestazione O’Reilly Open Source Convention, Sam Ramji, Senior Director della Platform Strategy di Microsoft, ha illustrato i diversi traguardi raggiunti da Microsoft nell’ambito open source. In primo luogo, la società ha reso disponibili 20.000 stringhe di codice Linux alla comunità Linux kernel. Il codice consente la virtualizzazione su Microsoft Hyper-V Server 2008 di qualsiasi versione del sistema operativo Linux. Oltre a questo contributo in termini di codice, Microsoft ha anche sottolineato il suo costante investimento per l’ottimizzazione di PHP su Windows Server e al database Microsoft SQL Server. Per ulteriori informazioni sul costante lavoro di Microsoft su PHP e sul maggiore supporto dato dal driver Microsoft SQL Server per PHP alle caratteristiche native di Microsoft SQL Server 2008, è disponibile il white paper IDC “Microsoft, PHP e Open Source, un’alleanza pragmatica”.
Oltre a questi traguardi nella partnership Microsoft e open source, giovedì 23 luglio, il Corporate Vice Presidente della Divisione External Research di Microsoft Research, Tony Hey, si rivolgerà al pubblico Oscon per illustrare l’impegno di Microsoft verso accesso e strumenti open e verso l’interoperabilità nell’eterogeneo mondo della ricerca. Hey evidenzierà gli strumenti progettati per aiutare gli scienziati a trattare, gestire e analizzare gli enormi quantitativi di dati che oggi possono raccogliere e accelerare così la scoperta scientifica.
Pubblicato il: 22/07/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza