Logo ImpresaCity.it

Juniper, le aziende italiane preparate sulla direttiva del Garante della Privacy

Le aziende italiane sono pronte ad adeguarsi alle richieste della direttiva del Garante della Privacy in materia di amministratori di sistema e registrazione degli accessi (log).

Autore: Redazione ImpresaCity

Le aziende italiane sono pronte all'adeguamento a quanto previsto dalla direttiva del Garante della Privacy in materia di amministratori di sistema e registrazione degli accessi, che entrerà in vigore da dicembre 2009?
Se lo è chiesto Juniper Networks, che ha commissionato una ricerca sul tema.
La ricerca conferma un elevato livello di conoscenza della direttiva, e molte delle aziende intervistate hanno già messo in atto provvedimenti per adeguarsi o stanno studiando le richieste del Garante. Ma in molti hanno manifestato preoccupazione per i livelli di reportistica e archiviazione richiesti, e hanno dichiarato che con gli strumenti di rete già esistenti sarà difficile e costoso adeguarsi.  
La direttiva stabilisce una serie di indicazioni relative alla figura dell’amministratore di sistema e i relativi compiti e responsabilità per garantire la sicurezza delle banche dati e la corretta gestione delle reti. Il provvedimento inoltre  richiede l’adozione di sistemi idonei alla registrazione degli accessi (log) alla rete, ai sistemi di elaborazione e agli archivi elettronici da parte degli amministratori di sistema. Le registrazioni devono comprendere i riferimenti temporali e la descrizione dell'evento e devono essere conservate per periodo non inferiore a sei mesi.
Secondo i dati della ricerca, il 91% degli intervistati diche di consoscere la direttiva e il 97% è al corrente della necessità di conformarsi alle stringenti richieste di registrazione degli accessi. Il 67% conferma di aver già preso le opportune misure sulla registrazione degli accessi, dimostrando dunque un’approfondita conoscenza della direttiva. D’altro canto però, l’80% degli intervistati ritiene difficile conservare e correlare i log generati da più sistemi tecnologici, e tra questi il 43% considera questa operazione “molto problematica”. Il 58% è preoccupato dagli alti investimenti richiesti per l’adeguamento e ritiene sia necessario avere a disposizione una soluzione in questo campo che permetta all’azienda di essere conforme alle nuove regole.
Pubblicato il: 20/07/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza