Logo ImpresaCity.it

Confindustria: Lucarelli si occuperà delle tecnologie digitali per le imprese

Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria, ha conferito a Ennio Lucarelli, presidente uscente di Assinform, la delega sul tema: “Tecnologie digitali per le imprese.

Redazione ImpresaCity

La scorsa settimana Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria, ha conferito a Ennio Lucarelli, presidente uscente di Assinform, la delega sul tema:  “Tecnologie digitali per le imprese”.
Lucarelli, imprenditore romano nel settore dell’Information Technology, è un profondo conoscitore del tema, che seguito in particolare negli ultimi tre anni nel ruolo di presidente di Assinform.
Lucarelli  ritiene che i confronti internazionali provino che chi investe di più in tecnologia digitale è in grado di ottenere importanti ritorni in termini di produttività e di capacità di crescita
"Incrementare il volume degli investimenti in innovazione digitale è un percorso obbligato  per il nostro Paese, ha dichiarato Lucarelli, per accelerare l’uscita dalla crisi e creare nuove opportunità di crescita. In questo senso è positivo il fatto che sia stata finalmente completata la prima fase di valutazione dei progetti presentati nell’area ‘made in Italy’ nell’ambito di Industria 2015, molti dei quali  prevedono l’adozione di tecnologie digitali”.
Lucarelli si augura che al più presto vengano segnati in agenda gli appuntamenti relativi all’ampliamento del finanziamento e al lancio di un programma specifico per le nuove tecnologie digitali. “L’obiettivo, ha enfatizzato, è aiutare le  imprese italiane a competere sul web 2.0 e 3.0 con le imprese internazionali più lontane, ad accedere ad applicazioni, servizi e infrastrutture di rete di nuova generazione, condizioni abilitanti per raggiungere i propri clienti, ad acquistare i propri semilavorati e materiali anche on line”.  
Pubblicato il: 20/07/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud