Logo ImpresaCity.it

In aula con desktop virtuali

Avviato nell'Università di Modena e Reggio Emilia il progetto pilota di Desktop Virtuale "VirDes", realizzato dal CeSIA, Centro Servizi Informatici di Ateneo, con il supporto tecnologico di Kelyan, Gruppo Comdata.

Autore: Redazione PMI

Da novembre alla facoltà di Ingegneria di Modena e Reggio Emilia gli studenti possono assistere alle lezioni nella prima aula corsi Virtual Desktop, realizzata dal CeSIA, il Centro Servizi Informatici di Ateneo, in collaborazione con il team di progetto infrastrutturale di Kelyan, azienda della Divisione Comdata ICT, che opera sul mercato in qualità di Business Delivery Partner.
Il  progetto di virtualizzazione VirDes punta a rendere operativa la prima sala corsi con postazioni Virtual Desktop Infrastructure (VDI), allestita con 25 thin client e la biblioteca scientifica dell'Università di Modena e Reggio Emilia (BSI).
L'obiettivo del progetto VirDes è di fornire un ulteriore supporto IT alla didattica universitaria e ottimizzare i costi di gestione dei posti di lavoro dell'Ateneo.
Numerosi i benefici che ne derivano, tra cui: la riduzione del total cost of ownership di infrastruttura; la diminuzione dei costi energetici, nel rispetto del green ICT.
Per l'architettura infrastrutturale Kelyan ha fornito una soluzione basata su una coppia di server Sun e uno storage Netapp e per le postazioni VDI network computer Wyse, che consentono un tempo di caricamento di pochi secondi.
La soluzione VDI è flessibile e portabile, permette di replicare la singola postazione senza necessità di customizzarla né deciderne a priori la destinazione d'uso, con indipendenza tra le postazioni e l'utente.
Il progetto VirDes prevede che sugli stessi thin client vengano distribuiti diversi tipi di desktop virtuali: un'aula didattica è potenzialmente in grado di ospitare qualunque corso o lezione.
Il CeSIA ha riscontrato un notevole risparmio nei tempi di gestione: il personale si occupa esclusivamente del software applicativo, e gli interventi vengono realizzati in remoto. I guasti o malfunzionamenti di hardware sono risolvibili sostituendo monitor, tastiera o mouse.
Visti i risultati ottenuti  si è dato l'avvio a una seconda aula didattica nel laboratorio linguistico di ingegneria con 15 postazioni Virtual Desktop, e ulteriori postazioni amministrative all'interno del CeSIA, realizzate grazie al supporto infrastrutturale di Kelyan.
I piani futuri prevedono lo sviluppo di ulteriori aule didattiche per le diverse strutture di ateneo.
Pubblicato il: 24/12/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud