Logo ImpresaCity.it

Le PMI italiane verso Internet

Una PMI su quattro è sulla rete e ha scelto Internet come strumento strategico per sviluppare la propria attività. È ciò che emerge da una ricerca commissionata da Paypal e condotta da Doxa.

Autore: Redazione PMI

Internet ad appannaggio delle Piccole e Medie Imprese. È questo un fatto incoraggiante, perché se la tecnologia ha un'ampia diffusione nelle aziende di grandi dimensioni che  ne hanno capito la valenza strategica per sviluppare il proprio business, così non era fino a poco tempo fa nelle realtà di piccole dimensioni.
Una recente ricerca commissionata da Paypal, operatore a livello mondiale nel mercato dei pagamenti online, e condotta da Doxa su un campione di 603 Pmi intervistate con un organico al di sotto delle 50 persone, rileva che questa tipologia di aziende ha percepito il valore della tecnologia e la utilizza o conta di utilizzarla a breve per incrementare il proprio business.
Dalla ricerca risulta che una Pmi su quattro è sulla Rete
Il 25% delle imprese dispone di un sito Internet e il 14% di queste lo utilizza per il commercio elettronico. E i vantaggi sono percepibili. Le aziende che sono online indicano infatti che la presenza sul web ha migliorato l'immagine del proprio brand (78%), ha dato un vantaggio competitivo sulla concorrenza (41%), ha sviluppato il business a livello nazionale (37%), ha incrementato le vendite (37%) e i margini (33%) e raggiunto un maggior numero di nuovi clienti (28%).  
E la tendenza va verso una maggior presenza sul web: il 14% delle aziende ha creato un sito durante l'ultimo anno e il 26% della aziende che non ha ancora un sito attivo dichiara di volerlo fare. Il 10,5% di queste conta di farlo entro un anno.
Emergono come settori merceologici più attenti e attivi al fenomeno il Terziario e Servizi, con il 34%, seguito da Industria e Commercio all'ingrosso con il 27%, dai Professionisti (24%) e dal Commercio al dettaglio (21%).
Il 55% delle PMI online utilizza Internet per raggiungere i consumatori, mentre il 35% lo utilizza sia per attività business to business, sia come strumento rivolto ai consumatori.
Internet viene ancora utilizzato prevalentemente per far conoscere l'azienda e fare pubblicità (65%), cresce però la percentuale di coloro che vedono il sito come strumento di business per reclutare nuovi clienti (21%), per vendere prodotti e servizi (20%), per mantenere le relazioni con i clienti esistenti (15,5%).
I principali ostacoli che frenano l'apertura di un sito on line e l'utilizzo del commercio elettronico per fare business sono la mancanza di tempo per realizzare il progetto (62%),  seguita sempre dalla mancanza di tempo per reperire le informazioni necessarie (54%) e i pochi incentivi provenienti dalle Instituzioni e delle autorità pubbliche (53%)
Pubblicato il: 14/11/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

2018 Sonicwall Cyber Threat Report

speciali

I tanti volti della sicurezza