Logo ImpresaCity.it

Progress presenta Apama Capital Market

Si tratta di un framework per il rilascio di applicazioni di trading, rischio e conformità. Tra i vantaggi, il nuovo Risk Firewall per la gestione del rischio in tempo reale.

Redazione PMI

Progress Apama Capital Market è il nuovo framework di Progress Software, fornitore di tecnologie per lo sviluppo, l'implementazione, l'integrazione e la gestione di soluzioni di business, costituito da un set di funzionalità pre-definite per la creazione applicazioni di trading per i Capital Markets.
Il framework Apama Capital Market, che si basa sulla piattaforma Apama Complex Event Processing (CEP),  comprende Apama Algo Trading Accelerator e una serie di nuove funzioni di trading, tra cui Apama Risk Firewall per supportare la gestione del rischio in tempo reale nelle applicazioni di trading.
Il framework in questione nasce dall'esperienza maturata dall'azienda nella realizzazione in tempo reale di applicazioni di trading, rischio e conformità Risk Firewall è frutto di questa esperienza; offre agli operatori la possibilità di rilasciare in tempo reale valutazioni di rischio che spingono i trader a non superare il rischio di tolleranza imposto dall'azienda per cui lavorano e relativo al mercato in cui operano. Accanto a Risk Firewall, il nuovo framework comprende un numero predefinito di algoritmi di trading, un dashboard campione di trading Direct Market Access, un framework di implementazione, e strumenti per sviluppare e implementare applicazioni Apama, che supportano sia gli utenti business sia gli sviluppatori IT.La linea di prodotto Apama possiede le più potenti funzionalità CEP (Complex Event Processing) e supporta applicazioni in grado di controllare rapidamente i flussi di evento, di individuare pattern e di agire con un tempo di latenza inferiore al millisecondo.
Pubblicato il: 05/11/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud