Logo ImpresaCity.it

CWT in partnership con The CarbonNeutral Company

CWT estende l'offerta "Sustainable Solutions" composta da tre elementi: carbon calculator per supportare i viaggiatori in fase di prenotazione, una reportistica post-viaggio che evidenzia le emissioni generate dalle trasferte e servizi studiati per ridurre le emissioni di anidride carbonica.

Redazione PMI

Carlson Wagonlit Travel (CWT), società che opera nel business travel management, ha siglato un accordo a livello globale con The CarbonNeutral Company, importante società specializzata nella compensazione delle emissioni di anidride carbonica e nella consulenza ambientale, con l'obiettivo di fornire servizi per la gestione delle emissioni alle aziende clienti.
L'accordo consente a CWT di estendere ulteriormente la sua offerta CWT Sustainable Solutions, declinata su tre livelli: carbon calculator per supportare i viaggiatori in fase di prenotazione;  reportistica post-viaggio che evidenzia le emissioni generate dalle trasferte; una gamma di servizi per ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2).  Fanno parte dei servizi forniti da The CarbonNeutral Company: la valutazione dell'effetto serra, l'analisi indipendente dell'impatto ambientale, programmi di riduzione delle emissioni aziendali, progetti di compensazione monitorati con continuità sui sei continenti,  la certificazione CarbonNeutral per i travel program aziendali.

Le emissioni di CO2 generate dai viaggi d'affari incidono in media per il 25% sull'impatto ambientale complessivo di un'azienda. Di conseguenza, come sostiene CWT, sono sempre più numerosi i clienti che cercano soluzioni per ridurre l'impatto del travel sull'ambiente. The CarbonNeutral Company offre un'ampia gamma di programmi e servizi su scala mondiale che permettono alle società di viaggiare in modo più responsabile.   .   
Pubblicato il: 21/10/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud