Logo ImpresaCity.it
Contenuto a cura dell'Azienda

L’automazione dell’It ottimizza i processi di modernizzazione

Una visione olistica consente di acquisire l’agilità e la velocità necessarie alla trasformazione digitale.

Allineandosi a quanto indicato dai report dei principali analisti, una delle sfide più rilevanti per i CIO e i CTO delle aziende è rappresentata dalla capacità di supportare in modo efficace la crescita del business e i cambiamenti richiesti dall’avvento dell’era digitale. Per affrontare questo passaggio, la velocità e l’agilità nel rilascio dei servizi IT appaiono requisiti primari e quasi ovvi.
Tuttavia, troppo spesso questi aspetti sono limitati dalla crescente complessità dell’IT. In particolare, i servizi si stanno espandendo per dimensioni e numerosità, facendo sì che il business debba aspettare giorni o settimane per la disponibilità in produzione. Inoltre, gli strati applicativi creati in epoche diverse, i layer di virtualizzazione e le soluzioni in cloud pubblico o privato devono essere aggregati per rilasciare un nuovo servizio. 

La necessità di un’operatività agile 

ca   luca rossetti
Luca Rossetti
Le operations IT sono in prima linea. Per loro è di primaria importanza fare la differenza per il business, garantendo che l’azienda sia strutturata per innovare e sopravanzare i concorrenti. Non è certo facile in tempi densi di nuove tendenze tecnologiche come il mobile e l’Internet of Things. Con stime che parlano di 50 miliardi di dispositivi e applicazioni connessi nel futuro prossimo, il cambiamento diventerà ancor più rilevante. Tutti coloro che già oggi faticano a rispondere alle richieste, vedranno a breve il gap aumentare rapidamente.
Di fronte a queste sfide, i leader dei business devono cercare strade utili a ottimizzare i loro asset IT esistenti, continuando a integrare nuove tecnologie. Essi hanno la necessità di accrescere l’agilità minimizzando l’impatto sull’operatività, per soddisfare le aspettative dei loro clienti ed essere pronti velocemente a supportare nuove opportunità.
L’automazione dell’IT rappresenta una di queste ottimizzazioni, ma per sfruttarne il potenziale in modo completo, è necessario cambiare radicalmente l’approccio. Sebbene si tratti di un elemento fondante della storia dello sviluppo delle aziende, spesso è stato affrontato in modo isolato, con tool implementati ad hoc per rispondere a specifiche e sempre più pressanti richieste.
Questo approccio ha portato all’aumento della complessità nel modello di business. Puntando alla risoluzione di problematiche specifiche piuttosto che a una visione più olistica, molte realtà sono rimaste organizzate in silos e oggi non sono in grado di raggiungere nuovi vertici. 

Puntare a una visione olistica 

Le operations IT hanno bisogno di evolvere rapidamente dal semplice supporto a processi di business già consolidati verso l’innovazione continua, attraverso un efficace utilizzo della tecnologia. Le organizzazioni che vogliono avere successo devono adottare un approccio sistematico all’automazione, partendo dall’infrastruttura e da uno staff IT portato a eseguire compiti che possano rapidamente generare valore per il business. Inoltre, i servizi IT devono essere automatizzati in ambienti on-premise, ibridi e cloud su una sola piattaforma di gestione e non un insieme destrutturato di strumenti acquistati in momenti diversi. Infine, i carichi di lavoro devono essere suddivisi fra le componenti infrastrutturali più appropriate rispetto alle attività in corso.
CA Automic è oggi l’unica soluzione in grado di offrire un approccio olistico all’automazione del business. Integrando l’automazione dei carichi di lavoro e delle release insieme all’orchestrazione dei servizi, la piattaforma può occuparsi dei processi di core business, delle applicazioni e delle infrastrutture in ambienti on-premise, cloud e ibridi. Essa offre un approccio unificato e flessibile all’automazione, che può essere adottato in modo progressivo e offre agilità e visibilità end-to-end sull’intero business.
Poiché il rapido aumento delle richieste provenienti dal business agisce direttamente sulla complessità e il volume dei processi, l’adozione di una visione olistica dell’automazione garantisce l’agilità necessaria per affrontare il futuro digitale che ci attende.

*Senior Business Technology Architect, CA Technologies
Pubblicato il: 28/02/2018

Tag:

Contenuto a cura dell'Azienda

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud