Logo ImpresaCity.it

Dassault Systèmes verso il PLM 2.0

La società propone una progettazione di prodotto on line, aperta a team di lavoro che possono collaborare, condividere e operare sul prodotto da ogni luogo, il tutto con la collaborazione dell’utente finale, che attraverso il linguaggio del 3D potrà comprendere e dire la sua sul prodotto, creando ulteriore conoscenza sullo stesso.

Autore: Massimo Giudici

Nell'era del Web 2.0 il Web evolve ed entra in un a fase più dinamica, dove l'interattività regna sovrana e la collaborazione si impone come modalità di comunicazione tra team. Per stare al passo coi tempi molte tecnologie stanno procedendo in questa direzione, e con esse le società che le portano sul mercato. È questo il caso del Product Lifecycle Management, inteso come processo di gestione del ciclo di vita del prodotto,  proposto da Dassault Systèmes, fornitore di soluzioni 3D e PLM.
La piattaforma V6, presentata e resa disponibile di recente dalla società, racchiude in sé tutta l'essenza del 2.0.
Si tratta di una tecnologia, che dà il via a una fase 2.0 anche per il PLM, che, in questa nuova accezione, è un ambiente 3D on line in cui i team coinvolti nella realizzazione del prodotto possono interagire in modo virtuale, accrescendo la Proprietà Intellettuale dell'azienda ad ogni singolo intervento. Così concepito il PLM rende vivibile in maniera realistica il processo della conoscenza, dall'idea fino al prodotto finito.
La V6 consente ai diversi team coivolti nel progetto di lavorare insieme, in tempo reale, attraverso una semplice connessione Internet. L'interfaccia 3D virtuale rende possibile la condivisione in modo semplice della conoscenza generata durante l'intero ciclo di vita del prodotto.
Basata su una piattaforma singola valida per tutti i processi PLM, aperta, accessibile a chiunque da qualsiasi luogo, la V6 abbraccia gli standard della Service Oriented Architecture.
Le soluzioni PLM V6 di Dassault Systèmes (Catia, Delmia, Simulia, Enovia) sono disponibili dallo scorso maggio. Come per le precedenti versioni, la società estenderà le funzionalità delle soluzioni PLM installate dai propri clienti aggiornando le versioni V5, in modo da favorire la transizione verso la V6.
Pubblicato il: 24/06/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione