Logo ImpresaCity.it

Citroen rende disponibille l'antifurto IoT di Vodafone

I veicoli commerciali Citroën Nemo Van, Berlingo Van/Combi, Jumpy, Jumper saranno protetti dal servizio di antifurto satellitare “Vodafone Vehicle Defence”, reso disponibile da Vodafone Automotive

Autore: Redzione

I veicoli commerciali Citroën Nemo Van, Berlingo Van/Combi, Jumpy, Jumper saranno protetti dal servizio di antifurto satellitare “Vodafone Vehicle Defence”, reso disponibile da Vodafone Automotive - società nata dall’acquisizione del Gruppo Cobra da parte di Vodafone Global Enterprise - nell’ambito delle tecnologie Internet of Things. L'installazione potrà essere effettuata presso le Concessionarie Citroën con attivazione via telefono.
 
“Vodafone Vehicle Defence, offerto da Citroën assieme a 24 mesi di abbonamento - si legge nella nota rilasciata da Vodafone - è un servizio con copertura europea che risponde all’aumentata richiesta di protezione dei clienti contro le manomissioni dei sistemi satellitari di serie e contro i disturbatori di segnale, i cosiddetti jammer".  
 
Il dispositivo satellitare che abilita il servizio, di dimensioni ridotte (55 x 80 x 33 mm) e dotato di una Global SIM IoT Vodafone, è progettato secondo gli attuali standard automotive (ad esempio, il suo funzionamento non interferisce con l’impianto elettrico del veicolo), è autoalimentato (quindi non richiede collegamenti elettrici), è impermeabile (per una eventuale installazione all’esterno del veicolo) ed ha antenne GPS e GSM/GPRS integrate. Il dispositivo effettua automaticamente un check settimanale della centralina per garantire la sua continua efficienza.
 
In caso di furto del veicolo, il proprietario sarà tenuto a chiamare la centrale operativa di sicurezza di Vodafone Automotive che attiverà in tempo reale e senza alcun costo aggiuntivo la procedura di gestione dell’evento: tracciamento del veicolo, localizzazione e recupero tramite le Forze dell’Ordine.
 
Il servizio prevede anche la copertura in territorio estero. In questo caso la centrale operativa italiana si interfaccia con il cliente nella sua lingua, mentre le operazioni di recupero vengono svolte con la corrispondente centrale operativa di sicurezza del paese dove il veicolo è stato localizzato che guiderà le operazioni con le Forze dell’Ordine locali.

Pubblicato il: 06/04/2017

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione