Logo ImpresaCity.it

Istat, nel 2009 il reddito disponibile delle famiglie cala del 2,7%

Nel 2009, il reddito disponibile delle famiglie italiane è diminuito del 2,7%, registrando il primo calo dal 1995.

Autore: Redazione ImpresaCity

La crisi fa calare i redditi delle famiglie italiane. Secondo dati Istat, il reddito disponibile nazionale è sceso nel 2009 del 2,7%. Si tratta del primo calo dal 1995; nel 2006 si era registrata una crescita del 3,5%.
L'impatto è stato più forte nel Settentrione (-4,1% nel Nord-ovest e -3,4 per cento nel Nord-est) e più contenuto al Centro (-1,8%) e nel Mezzogiorno (-1,2%).
In generale, tale diminuzione è essenzialmente da attribuire alla marcata contrazione dei redditi da capitale, anche se, in alcune regioni (in particolare Piemonte e Abruzzo), un importante contributo negativo è venuto dal rallentamento dei redditi da lavoro dipendente.
La significativa diminuzione del reddito disponibile registrata dal Nord-ovest nel 2009 è da imputarsi alla cattiva  performance di Piemonte e Lombardia, che da sole rappresentano il 90% del reddito disponibile della circoscrizione.
In Piemonte, infatti, si è verificata una forte contrazione dell'input di lavoro dipendente e, di conseguenza, dei relativi redditi da lavoro; la Lombardia sconta, invece, la battuta d'arresto degli utili distribuiti dalle imprese a seguito della diminuzione del valore aggiunto.
Le famiglie residenti nelle regioni meridionali, nello stesso periodo, sembrano aver subito in misura minore l'impatto della crisi.
Calabria e Sicilia sono le uniche due regioni italiane in cui il reddito disponibile delle famiglie ha mostrato tassi di crescita lievemente positivi; in tali regioni, peraltro, anche la dinamica del Pil è stata migliore che altrove.
Le regioni meridionali hanno anche beneficiato di una tenuta degli interessi netti ricevuti dalle famiglie, spiegata in parte dalla minore propensione delle famiglie meridionali agli investimenti rischiosi. Tale comportamento, che negli anni passati aveva frenato la crescita degli interessi netti, nel 2009 ha messo al riparo le famiglie dalla diminuzione degli interessi attivi conseguente alla crisi (sono stati proprio i  tassi  di interesse delle attività finanziarie meno rischiose, come ad esempio i depositi postali, a tenere di più).
Inoltre, la difficoltà per le famiglie meridionali ad accedere ai finanziamenti bancari ha contenuto l'impatto negativo sul risultato lordo di gestione della crescita dei costi intermedi per Sifim, indotta dall'aumento degli spread sugli interessi passivi.
Pubblicato il: 03/02/2011

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione