Logo ImpresaCity.it

Ibm, con Sonas realizza ambienti storage virtuali

Ibm Scale Out Network Attached Storage (Sonas) punta a realizzare una delle promesse del cloud computing: fornire accesso alle informazioni in qualunque luogo e in qualunque momento.

Autore: Redazione ImpresaCity

Hardware e software combianti per realizzare un ambiente storage virtuale, capace di fornire accesso a miliardi di file, ovunque essi risiedano, contribuendo così a ridurre i costi di gestione e aumentare l'efficienza: è il concetto racchiuso in Ibm Scale Out Network Attached Storage (Sonas), che punta a realizzare una delle promesse del cloud computing: fornire accesso alle informazioni in qualunque luogo e in qualunque momento. Oggi quando un dispositivo di network attached storage tradizionale collegato alla rete ha raggiunto il limite di capacità, le organizzazioni IT devono aggiungere un altro dispositivo, finendo involontariamente per creare isole di dati che, nel corso del tempo, diventano sempre più difficili da localizzare e da gestire. La presentazione di Sonas da parte da Ibm va proprio nella direzione della risoluzioni di questi problemi, in quanto utilizza una tecnologia massivamente scalabile (fino a 14,4 petabyte in un unico sistema) e offre la possibilità di aggiungere capacità di storage aggiuntive mantenendo un unico ambiente di file serving a gestione unificata. Fornisce una tecnologia automatizzata per la gestione dello "storage tiering", che esegue la scansione di oltre un miliardo di oggetti nel giro di pochi minuti, per effettuare il riposizionamento periodico dei file in base a "policy" prestabilite.
I vantaggi legati a Sonas sono relativi a: un migliore controllo dei dati, in quanto i clienti possono consolidare isole di dati, fornendo anche un faccesso agli stessi da qualsiasi parte del mondo, oltre alla possibilità di aggiungere capacità di storage senza interruzioni. Una delle tecnologie chiave presenti in Sonas è il file system parallelo Gpfs, che da più di dieci anni alimenta i supercomputer, abbinato a un nuovo Ibm Systems Software; un utilizzo più intelligente delle risorse, grazie all'automazione sulle politiche aziendali e la gestione dello storage a più livelli che permettono di  raggiungere tassi di utilizzo più elevati nei sistemi di gestione dei file, tenendo conto del tiering automatico; una riduzione dei costi operativi. Sonas consente un elevato consolidamento dell'hardware necessario al fine di ridurre i costi di acquisizione e di massimizzare il ritorno dell'investimento di un'organizzazione.  
Pubblicato il: 15/02/2010

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione