Logo ImpresaCity.it

BSA intensifica il controllo su Internet

L'organizzazione internazionale fa chiudere oltre 18.000 aste online e accentua l'attenzione sul web nell'area EMEA.

Autore: Redazione PMI

Nel corso della prima metà del 2008 BSA (Business Software Alliance), l'organizzazione internazionale dedita al rispetto della proprietà intellettuale e alla promozione di un mondo digitale legale e sicuro in campo ICT, ha intensificato la sua attività sul fronte Internet: è riuscita a far chiudere 18.314 aste online nel mondo finalizzate alla vendita di 45.000 copie di software pirata, per un valore complessivo di oltre 15 milioni di euro, e ha contrastato il commercio illegale di software attraverso reti Peer-To-Peer e altri canali.
Le attività di BSA portate avanti in ambito Internet sono triplicate rispetto al 2007, mettendo in evidenza la focalizzazione sul fenomeno del software pirata nell'area EMEA.
L'attenzione nei confronti di Internet prende forma anche nella pubblicazione di un report che illustra i rischi associati all'uso di software illegale scaricato da Internet.
Acquistare software da fonti online non autorizzate può mettere i navigatori in rete in serio pericolo: perdite di dati, infezione da virus informatici e malfunzionamenti di sistema sono alcuni dei rischi a cui vanno incontro. BSA è impegnata a far chiudere le aste illegali, ma anche a bloccare la condivisione illegale di file via P2P.
Nella prima metà del 2008, infatti, BSA ha inviato 48.000 notifiche relative a file BitTorrent utilizzati da 633.000 persone, per un valore stimato di circa 386 milioni di euro.
BSA ritiene che per proteggere i loro clienti in modo più efficace, i siti di aste dovrebbero assumersi la responsabilità e sottolineare i rischi che i clienti corrono acquistando software online. Creando una stretta collaborazione con le aziende software, i siti di aste potrebbero avvertire queste ultime degli annunci sospetti, ostacolando la vendita disabilitando la funzione 'compralo subito', in modo da permettere di identificare il software pirata.
Pubblicato il: 10/11/2008

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione