Logo ImpresaCity.it

Sicurezza a livello di silicio per i server Hpe Proliant

Sicurezza embedded a livello di silicio. La generazione 10 di server Hpe Proliant integra nuovi componenti di protezione direttamente su silicio

Redazione

hpe-proliant.jpgSicurezza embedded a livello di silicio. La generazione 10 di server Hpe Proliant integra nuovi componenti di protezione  direttamente su silicio: stabilendo un link diretto fra il chip custom di Hpe e il firmware Integrated Lights Out (Ilo, già presente su molti dispositivi Hpe), si impedisce al server di eseguire codice compromesso.

La tecnologia crea una vera e propria “impronta digitale” unica e immutabile, che vieta alla macchina di avviarsi se non si verifica una corrispondenza tra questa traccia e il firmware. Un elemento inviolabile, in quanto il vendor esercita un controllo totale sia sul chip, sia sul codice essenziale del server. Il sistema comprende anche crittografia e algoritmi di rilevamento delle violazioni.

In contemporanea alla presentazione dei Proliant Gen 10, Hpe ha introdotto anche diversi aggiornamenti software e infrastrutturali complementari alla nuova offerta. I primi due si rivolgono al software-defined e sono Oneview 3.1 e Intelligent System Tuning. La prima soluzione supporta il passaggio alla decima generazione di server e trasforma risorse di calcolo, storage e rete in un’architettura definita dal software.

La release 3.1 presenta funzioni per storage componibile, miglioramenti alla gestione del firmware, estensione del supporto a una vasta gamma di piattaforme Hpe ed è compatibile con l’ecosistema di nuovi partner come Mesosphere Dc/Os (container), con cui il colosso californiano ha avviato un’alleanza strategica per realizzare attività di engineering congiunto e portare ai clienti un’architettura di riferimento caratterizzata da un miglior time-to-value.

Intelligent System Tuning offre invece un’esperienza dinamica sulle applicazioni in partnership con Intel, sulla linea di processori Xeon. Queste funzionalità intervengono sui parametri di funzionamento delle Cpu e comprendono modulazione della frequenza (jitter smoothing), aumento delle prestazioni (core boosting) e ottimizzazione del server secondo i profili dei vari carichi di lavoro.

Per i workload a consumo intensivo di dati e di potenza di calcolo, è possibile invece abbinare i server Proliant ai moduli aggiuntivi di elaborazione Synergy 480 e Synergy 660, che mettono a disposizione connettività Ethernet 25/50 GB, oltre alla soluzione storage integrata Scalable Persistent Memory: Hpe promette una velocità applicativa fino a 27 volte superiore e ripristini di database 20 volte più rapidi rispetto alle soluzioni di archiviazione comuni. Tutte le novità dell’azienda saranno disponibili da questa estate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 07/06/2017

Tag:

Speciali

Speciali

Cybertech 2019

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT