Logo ImpresaCity.it

Red Hat aggiunge il provisioning dinamico per lo storage

Con la versione 3.4 di OpenShift Container Platform, si rafforza l'integrazione fra applicazioni tradizionali e cloud.

Redazione ImpresaCity

Red Hat ha appena annunciato la versione 3.4 di OpenShift Container Platform, che ora permette di far coesistere le nuove applicazioni containerizzate e il loro workload, con i vantaggi del provisioning dinamico dello storage per applicazioni tradizionali e cloud. A questo si aggiungono capacità condivise tra diverse applicazioni, gruppi di lavoro o processi all'interno di un ambiente cloud ibrido.
L'aggiornamento della piattaforma propone una versione Enterprise di Kubernetes 1.4 e l'ambiente runtime per container Docker.Fa le caratteristiche di OpenShift Container Platform 3.4, proviamo la possibilità di provisioning dinamico di differenti tipi di storage e la gerarchizzazione dei livelli all'interno di Kubernetes in funzione della qualità del servizio, grazie a Red Hat Gluster Storage. Inoltre, la nuova architettura per cloud ibrido permette di far girare lo strumento su OpenStack, VMware, Amazon Web Services, Google Cloud Engine e Microsoft Azure.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 22/02/2017

Tag:

Speciali

speciali

Check Point Experience, il futuro della cybersecurity è servito

speciali

Red Hat Open Source Day 2018, l’open source ridisegna il mondo