Logo ImpresaCity.it

Red Hat aggiunge il provisioning dinamico per lo storage

Con la versione 3.4 di OpenShift Container Platform, si rafforza l'integrazione fra applicazioni tradizionali e cloud.

Redazione ImpresaCity

Red Hat ha appena annunciato la versione 3.4 di OpenShift Container Platform, che ora permette di far coesistere le nuove applicazioni containerizzate e il loro workload, con i vantaggi del provisioning dinamico dello storage per applicazioni tradizionali e cloud. A questo si aggiungono capacità condivise tra diverse applicazioni, gruppi di lavoro o processi all'interno di un ambiente cloud ibrido.
L'aggiornamento della piattaforma propone una versione Enterprise di Kubernetes 1.4 e l'ambiente runtime per container Docker.Fa le caratteristiche di OpenShift Container Platform 3.4, proviamo la possibilità di provisioning dinamico di differenti tipi di storage e la gerarchizzazione dei livelli all'interno di Kubernetes in funzione della qualità del servizio, grazie a Red Hat Gluster Storage. Inoltre, la nuova architettura per cloud ibrido permette di far girare lo strumento su OpenStack, VMware, Amazon Web Services, Google Cloud Engine e Microsoft Azure.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 22/02/2017

Tag:

Speciali

Speciale

HPE: la data economy è questione di sinergie

Speciali

La nuova IT per la Digital Transformation