Logo ImpresaCity.it

Il cloud di Ibm converge su Bluemix

Semplificata l’offerta combinando i servizi IaaS, PaaS e SaaS sotto un unico brand. Ne fa le spese SoftLayer, anche se Big Blue assicura che per i clienti nulla cambierà.

Redazione ImpresaCity

I servizi presenti sul cloud pubblico di Ibm SoftLayer saranno portati sotto il brand Bluemix. La mossa rientra, secondo il vendor, in un processo orientato all’innovazione.
Secondo quanto comunicato, per i clienti SoftLayer non dovrebbe cambiare nulla. Il portale resterà attivo, anche se le aziende potranno ordinare i servizi sia qui che su quello Bluemix senza alcuna differenza. L’account si potrà trasferire possedendo un Id Ibm.
Nel corso del tempo, tutto sarà integrato sotto un unico brand e SoftLayer sarà destinato a scomparire. In questo modo, sarà disponibile anche nominalmente una sola offerta con un catalogo di servizi di infrastruttura, piattaforma e applicazioni.
Big Blue aveva acquisito SoftLayer per 2 miliardi di dollari nel 2013. Il passaggio sotto Bluemix corrisponde però alla volontà di avere un marchio forte da contrapporre a quello dei concorrenti come Amazon, Google e Microsoft.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 25/10/2016

Tag:

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy