▾ G11 Media Network: | ChannelCity | ImpresaCity | SecurityOpenLab | GreenCity | Italian Channel Awards | Italian Project Awards | ...

La Racial Equity and Justice Initiative di Apple ha superato i 200 milioni di dollari di investimenti

Apple sta investendo altri 25 milioni di dollari in capitale di rischio per ampliare il supporto alle aziende di minoranze e affrontare le barriere sistemiche all’accesso ai finanziamenti.

Mercato e Lavoro

Apple ha annunciato che la sua Racial Equity and Justice Initiative (REJI), un impegno globale a lungo termine per promuovere l’equità e ampliare le opportunità per le comunità nere, ispaniche/latine e native americane, ha più che raddoppiato il suo impegno finanziario iniziale per un totale di oltre 200 milioni di dollari negli ultimi tre anni. Dal lancio della REJI nel giugno 2020, Apple ha sostenuto l’istruzione, l’emancipazione economica e il lavoro di riforma della giustizia penale in tutti gli Stati Uniti, con una recente espansione in Australia, Regno Unito e Messico.

Apple ha lanciato la REJI in un momento cruciale per gli Stati Uniti, quando le proteste contro le ingiustizie razziali hanno investito la nazione. L’iniziativa fa leva sull'esperienza dell’azienda nel creare un migliore accesso alle opportunità e promuovere l’equità per i gruppi svantaggiati, istituendo una nuova entità dedicata ad accelerare i progressi attraverso un impegno profondo nelle scuole e nelle comunità.

“Costruire un mondo più giusto ed equo è un lavoro urgente che richiede collaborazione, impegno e un obiettivo comune” ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple. “Apple è orgogliosa di collaborare con molte organizzazioni straordinarie la cui missione è eliminare le ingiustizie e le barriere alle opportunità. E continueremo a fare da apripista, con i nostri valori, mentre ampliamo i nostri sforzi per creare opportunità, risollevare le comunità e contribuire a creare un futuro migliore per tutti e tutte.”

Grazie alle sovvenzioni per l’istruzione della REJI, Apple ha raggiunto più di 160.000 studenti e studentesse con corsi in presenza e offerte extrascolastiche; l’azienda si è anche impegnata con oltre 50 milioni di dollari per permettere alle HBCU, Historically Black Colleges and Universities, e alle HSI, Hispanic-Serving Institutions, di offrire opportunità di apprendimento nell’ambito della scienza, della tecnologica, dell’ingegneria, dell’arte e della matematica. Con un’attenzione particolare all’emancipazione economica, la REJI stanzia fondi per istituti finanziari (tra cui società di venture capital, Community Development Financial Institutions e Minority Depository Institutions) che sostengono imprenditori, imprenditrici e aziende delle comunità nere, ispaniche/latine e native americane. Inoltre, le sovvenzioni della REJI per la riforma del sistema giudiziario penale hanno sostenuto servizi legali, alloggi sicuri, servizi di identificazione, accesso all’assistenza sanitaria e altri servizi fondamentali per il reinserimento di oltre 19.000 persone con precedenti penali.

Il lavoro della REJI però va oltre gli Stati Uniti e continua a espandersi a livello globale. Apple ha annunciato infatti nuovi programmi in Nuova Zelanda in collaborazione con Te Pūkenga - New Zealand Institute of Skills & Technology, il più grande istituto di formazione professionale del Paese. Questa iniziativa sosterrà gli sforzi dell’istituto per fornire a chi insegna le competenze necessarie a preparare gli studenti e le studentesse delle comunità Māori e Pasifika sottorappresentate a inserirsi nel settore tecnologico, una realtà in crescita in Nuova Zelanda.

In Australia, Apple ha annunciato l’espansione della REJI nell’agosto 2022 con un finanziamento iniziale a sostegno di iniziative e organizzazioni no profit al servizio delle comunità indigene, tra cui Deadly Connections, ID. Know Yourself, First Australians Capital, il programma Djamu Youth Justice dell’Art Gallery of New South Wales e Original Power. Il nuovo finanziamento sosterrà il Karrkad Kanjdji Trust, un fondo di beneficenza istituito dai Proprietari Tradizionali delle aree indigene protette di Warddeken e Djelk per realizzare la loro visione di un Paese migliore. Attraverso la REJI e le sovvenzioni per la giustizia ambientale, Apple sostiene anche il programma Women Rangers con finanziamenti volti a potenziare il suo portafoglio di attività per la gestione del territorio, la leadership e lo sviluppo delle competenze.

Nel Regno Unito, Apple ha stretto una partnership con il Southbank Centre per lanciare Reframe: The Residency, un programma volto a ridurre le barriere per le persone di colore che aspirano a entrare nel mondo della creatività. Il primo gruppo di partecipanti da Londra, Birmingham e Manchester è stato selezionato a maggio. Ogni artista presenterà il proprio lavoro nel corso di una mostra gratuita che verrà inaugurata martedì 18 luglio al Southbank Centre. Sempre nel quadro di Reframe, Inspire Schools collabora con gli istituti scolastici per fornire a ragazzi e ragazze nuove competenze attraverso la realizzazione di riviste digitali incentrate sulla crisi climatica.

Per proseguire l’impegno della Community Education Initiative di Apple con le università di tutto il Messico, la REJI ha stretto una partnership con Enactus per sostenere l’espansione degli iOS Development Labs, che insegnano a programmare con Swift e preparano studenti e studentesse a una carriera nella fiorente economia delle app iOS del Paese. E con i due nuovi laboratori a Tijuana e in Chiapas, la REJI sta contribuendo a creare nuove opportunità per le comunità tradizionalmente svantaggiate.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter