Logo ImpresaCity.it

Moda: due addetti su tre lavorano nelle 56 mila piccole imprese

Con 51,8 miliardi € di made in Italy, il saldo export-import Moda paga 57% della bolletta energetica. Esportazioni in crescita a doppia cifra in Svizzera, Cina e Paesi Bassi.

Redazione Impresacity

In Italia nel Tessile, Abbigliamento e Pelli sono attive 56 mila imprese con meno di 50 addetti che danno lavoro a 311 mila addetti, pari ad oltre i due terzi (67,7%) dell’occupazione del settore. A dirlo è il report Le imprese della Moda nell’economia ibrida: innovazione e investimenti digitali” di Confartigianato.
La congiuntura alle porte dell’autunno del 2018 delinea qualche nube all’orizzonte – con segnali di rallentamento durante l’estate – ma la perfomance del settore rimane positiva nel corso dell’anno.
A luglio 2018 la produzione il Tessile, Abbigliamento e Pelle segna un calo dell’1,2% rispetto a luglio 2017, ma nei primi sette mesi del 2018 la produzione della moda mantiene una crescita del 2,2% rispetto stesso periodo anno precedente.
L’export nel Tessile, Abbigliamento e Pelle nei primi 6 mesi del 2018 cresce del 3,5% rispetto stesso periodo anno precedente, sostanzialmente in linea con +3,7% del totale export. Negli ultimi dodici mesi l’export della Moda vale 51,8 miliardi di euro; al netto dell’import di 31,4 miliardi il comparto cumula un saldo attivo del commercio estero (export-import) di 20,4 miliardi di euro che, da solo, paga più della metà (57,0%) della bolletta energetica (35,8 miliardi di euro).
Nei primi sei mesi del 2018 il trend del made in Italy della Moda sui primi 20 mercati evidenzia una crescita a doppia cifra in Svizzera con +20,6%, Cina con +14,1% e Paesi Bassi con +12,1 %. In territorio positivo anche Corea del Sud(8,2%), Regno Unito (+6,3%), Germania (+4,3%) e Francia (+4,1%); all’opposti i cali più ampi si registrano in Russia(-2,8%), Stati Uniti (-3,7%), Hong Kong (-4,9%), Polonia (-6,2%) e Belgio (-8,7%).
Il settore Moda è caratterizzato da un marcato miglioramento della produttività anche grazie agli investimenti delle imprese in macchinari, con benefici sul lato dell’offerta: a luglio del 2018 la produzione di macchine per le industrie tessili, dell’abbigliamento e del cuoio – nella media degli ultimi dodici mesi – sale del 6,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 21/09/2018

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale