Logo ImpresaCity.it

Red Hat ottimizza i servizi di storage associati a container

Container-Native Storage permette di gestire le risorse di archiviazione in modo dinamico attraverso un unico pannello di controllo

Redazione

Rendere scalabile e flessibile lo storage associato ad applicazioni container. Red Hat aggiorna Container-Native Storage, la piattaforma pensata per funzionare in combinazione con la OpenShift Container Platform, anch'essa di recente aggiornata alla versione 3.6 e indirizzata a chi usa Kubernetes. La piattaforma di storage permette di gestire, scalare e aggiornare le risorse di archiviazione di cui si necessità attraverso un unico pannello di controllo.  

Ma quali sono le novità di Container-Native Storage 3.6? Innanzitutto la possibilità di installare un numero triplo di applicazioni e microservizi su un singolo cluster storage, grazie alla maggiore densità di volumi persistenti che si traduce in un superiore utilizzo delle risorse.

La soluzione, inoltre, adesso supporta interfacce file, a blocchi e oggetti, agevolando così la portabilità delle applicazioni container verso la piattaforma. Quest'ultima si presta adesso sia a supportare database distribuiti e altri workload a bassa latenza (come Elasticsearch), sia applicazioni cloud-native che richiedano Amazon Simple Storage Service (Amazon S3) come supporto di protocollo.  

Terza novità è il supporto esteso a tutti gli elementi infrastrutturali base di Red Hat OpenShift Container Platform, compresi registro, logging e metriche. Ciò significa che è possibile usare un unico sistema di storage per diversi elementi infrastrutturali. Container-Native Storage può eliminare la necessità di adottare una piattaforma storage indipendente e, proponendo un'unica console di controllo, semplifica le attività di gestione e riduce i costi.  

Man mano che le aziende implementano i container, sono in molti a vedere la necessità di soluzioni storage progettate specificatamente per questo tipo di sistemi”, ha commentato Ranga Rangachari, vice president e general manager storage di Red Hat. “Red Hat Container-Native Storage, ottimizzato per implementazioni multi/hybrid cloud con Red Hat OpenShift Container Platform, offre proprio questo. Il supporto aggiuntivo a una grande varietà di workload storage, il supporto ai principali elementi infrastrutturali di Red Hat OpenShift Container Platform e una maggiore densità di volumi persistenti sono caratteristiche fondamentali per aiutare i clienti a supportare datacenter attuali e futuri, e rafforzano ulteriormente la stretta integrazione tra Red Hat Container-Native Storage e Red Hat OpenShift Container Platform”.  

Red Hat sta anche avviando un Test Drive dedicato a OpenShift Container Platform con Container-Native Storage, che consente ai clienti di simulare implementazioni Red Hat OpenShift nel public cloud.  


Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 09/10/2017

Tag:

Speciali

Download

Gestire la sicurezza alla convergenza tra IT e OT

Speciali

La sanità alla prova della trasformazione digitale