Apparound e Telecom Italia collaborano nel Mobile

Apparound e Telecom Italia collaborano nel Mobile

Siglato un accordo relativo alle nuove applicazioni mobile dedicate agli smartphone per la gestione dei dati e dei processi aziendali.

di: Redazione ImpresaCity del 03/05/2010 11:30

 
Apparound, società americana con sede a Palo Alto che offre suite di tecnologie per creare appplicazioni Web, sta introducendo sul mercato - italiano e mondiale - applicazioni innovative  che stanno riscuotendo interesse da parte degli operatori mobili.
E proprio con Telecom Italia di recente ha siglato un accordo relativo alle nuove applicazioni mobile dedicate agli smart phone per la gestione dei dati e dei processi aziendali, al fine di avviare uno scouting sul mercato delle grandi aziende.
La crescente diffusione di smartphone e di dispositivi mobili, quali iPhone e Black Berry, ha generato l'esigenza da parte delle imprese di realizzare applicazioni dedicate a questi dispositivi per gestire, visualizzare e sincronizzare i dati aziendali, trasformando i processi di business e il modo di lavorare delle organizzazioni. Ad oggi però la prevalenza delle applicazioni per la distribuzione e sincronizzazione dei dati in ambito enterprise si limita a gestire posta elettronica, contatti, file. Di conseguenza, sviluppare applicazioni ad hoc per gestire dati aziendali ha un costo significativo, considerando ogni tipologia di dispositivo mobile su cui deve funzionare una determinata applicazione.
Apparound, che sta per rilasciare Apparound Mobile Extensions, offre soluzioni per disporre di un sistema cross-device per creare applicazioni per dispositivi mobili per la gestione dei dati strutturati in modo semplice, rapido ed economico.
Gianluca Cagiano, Presidente e Ceo di Apparound, ha così commentato la notizia dell'accordo con Telecom: "L'accordo con Telecom conferma la validità delle applicazioni fornite da Apparound per rispondere in modo concreto alle mutevoli necessità delle organizzazioni in ambito Mobile. Le nostre estensioni consentono di disporre di un sistema innovativo, sicuro e cross-device ancora più rapido ed economico, senza la necessità di staff IT dedicato, indipendentemente dall'infrastruttura tecnologica esistente.". 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

...continua