Brocade e Thales facilitano l'uso della crittografia nello storage

Brocade e Thales facilitano l'uso della crittografia nello storage

Le due aziende collaborano per rendere più semplice l'impiego della crittografia negli ambiti dello storage enterprise, integrando le rispettive offerte.

di: Redazione ImpresaCity del 16/11/2009 12:00

 
Brocade e Thales integrano le appliance Thales Encryption Manager for storage (Tems) con le Brocade encryption San switching solutions, allo scopo di facilitare la protezione dei dati aziendali e aiutare le imprese a soddisfare le crescenti esigenze di compliance. L'integrazione, infatti, rende più semplice l'encryption dello storage riducendo la necessità di impiegare  differenti sistemi crittografici e  garantendo un accesso ai dati sicuro.
Da quanto emerge da un'indagine realizzata alla fine dello scorso anno da Brocade emerge che le aziende stiano trascurando la sicurezza dei Data Center. Dei 4.500 professionisti IT intervistati circa la metà ha dichiarato infatti di aver avuto problemi di sicurezza nel corso degli ultimi 12 mesi. Nel 70% dei casi i dati persi non erano crittografati. Quasi un terzo delle imprese ha ignorato la sicurezza del Data Center. In molti casi, le aziende hanno policy di sicurezza idonee ai loro Data Center ma non le utilizzano in modo corretto se non spinte dal top management oppure dall'esigenza di conformarsi alle normative.
Brocade Encryption Switch e Brocade FS8-18 Encryption Blade fanno parte di una famiglia di piattaforme di encryption basate su fabric che aiutano le imprese a raggiungere gli obiettivi di sicurezza e di corporate governance crittografando i dati aziendali, con una gestione centralizzata e a elevate prestazioni.
Brocade Encryption Switch si integra con Tems, un'appliance pronta all'uso che consolida e automatizza la gestione delle chiavi crittografiche per i sistemi di storage in modo trasparente, fornendo mezzi di controllo della sicurezza unificati, dettagliati e verificabili. Questa soluzione permette consente di utilizzare la crittografia dello storage con la certezza che le chiavi crittografiche siano sotto controllo e in sicurezza. Le due società sono impegnate nello sviluppo e nell'adozione di standard aperti.
Tems supporta lo standard (in bozza) IEEE P1619.3. Le successive release supporteranno anche il Key Management Interoperability Protocol (Kmip), annunciato di recente dall'Osis e al quale ha collaborato anche Thales.              

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Notizie dal Web

...continua
 
 
 

Vota