Logo ImpresaCity.it

CA: il Project Management è strategico per il business

Da un'indagine europea risulta che l'86% delle imprese ritiene che una funzione centralizzata di IT Project Management sia un fattore strategico di cambiamento per il business aziendale. Il PMO rappresenta il primo passo verso le best practice nella gestione di progetti, programmi e portfolio; la garanzia di progetti allineati strategicamente e rischi gestiti in modo adeguato; l'accorciamento del time-to-market.

Autore: Redazione ImpresaCity

Il PMO, Project Management Office, è quel reparto preposto a definire e mantenere aggiornati gli standard di processo, generalmente associati alla gestione dei progetti, all'interno dell'organizzazione, che permette di ottenere risparmi dalla riproducibilità dei progetti in esecuzione fornendo  documentazione, orientamenti e metriche in materia di gestione ed esecuzione dei progetti.
Da un recente studio condotto da CA in 14 Paesi (249 intervistati nei mesi di novembre/dicembre 2008),  emerge che nell'86% delle imprese in Europa e nel Medio Oriente la funzione PMO centralizzata viene considerata come un fattore strategico di cambiamento per il business aziendale.
Attivare un dipartimento PMO non significa però risolvere tutti i problemi; quello che può fare la differenza è una strategia di project management centralizzata. Le metriche sulla riuscita dei progetti migliorano con il progredire della maturità della funzione PMO che tende anche ad assumere altri ruoli (sia nella gestione del portfolio che in quella del personale) e ad crescere di valore trasversalmente all'impresa.
In termini di valore espresso dalla funzione PMO all'interno dell'azienda, il 75% del campione ha inidicato quattro vantaggi generali della funzione PMO: completare i progetti entro i tempi stabiliti;  completare i progetti entro i costi stabiliti; l'alllineamento agli obiettivi del business aziendale; determinare una maggiore customer satisfaction.
A livello di utilizzo il 40% degli intervistati fa uso di una funzione PMO, incorporata in una strategia PMO gestita centralmente o distaccata, da almeno tre anni, mentre un terzo ne usufruisce da oltre cinque anni. 
La componente di PPM (Project & Portfolio Management) ha contribuito a creare portafogli di progetti che hanno determinato un maggior valore aggiunto, riduzione del fabbisogno di risorse e allineamento alle strategie. È tuttavia ancora molto diffuso l'utilizzo di sistemi quali fogli elettronici (17%), un sistema 'fai da te' di project management (12%), Microsoft Project (21%) o vari altri strumenti di PPM.
Le aziende in cui è presente una funzione unificata vantano una maggiore maturità nell'ambito della gestione del portfolio e dei progetti IT dal punto di vista delle risorse, dei processi, della tecnologia e del controllo finanziario. L'indagine evidenzia l'importanza di un PMO centralizzato per una corretta implementazione dei miglioramenti da apportare ai processi e a garanzia che i team addetti allo sviluppo completino i progetti entro i limiti di tempo e budget previsti con l'impiego delle best practice del settore. Maggiore è la maturità della funzione PMO, maggiori saranno i vantaggi dal punto di vista della gestione di progetti, programmi e portfolio in termini di best practice, time-to-market e qualità dei progetti a un costo inferiore. 
In quest'ambito CA fornisce sistemi come CA Clarity Project & Portfolio Management che affronta gli aspetti di selezione dei progetti e gestione del portfolio.  
Pubblicato il: 16/04/2009

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Red Hat Open Source Day, il futuro ha il sapore dell’open source

speciali

L’affermazione della stampa 3D tra prototipazione e produzione