Logo ImpresaCity.it

Dimension Data, come valorizzare l'IT ibrido

Accelerating the digital business with hybrid IT. Dimension Data pubblica un e-book per aiutare le aziende nel percorso verso il nuovo modello IT

Redazione

Come sfruttare l’IT ibrido per accelerare le ambizioni di business? Questa è la domanda che Dimension Data e Meettheboss hanno posto a 25 esperti professionisti IT che operano in diversi settori di mercato. Il risultato? Accelerating the digital business with hybrid IT, un nuovo e-book, per massimizzare l’approccio delle organizzazioni verso l’hybrid IT.

hybriditebook-twittercover.jpg
"Gli intervistati sono tutti concordi nell’affermare che è indispensabile un nuovo approccio in grado di unire il meglio dei mondi on- e off-premise, affermano gli autori dell'e-book". Il lavoro realizzato comprende una raccolta di esperienze e suggerimenti pratici che rispondono ai diversi interrogativi che molte aziende si stanno ancora ponendo in un’ottica di trasformazione digitale che poggia le sue fondamenta sull’IT ibrido.

"Per realizzare con successo un IT ibrido è fondamentale un allineamento tra i team IT e i dirigenti d’azienda, si afferma nel Report". Continuano peraltro a sopravvivere retoriche resistenze sul cloud, dove il fattore di rischio primario è la sicurezza correlata al trasferimento dei carichi di lavoro mission-critical su cloud. Non mancano poi le problematiche di sicurezza e di sovranità dei dati. 

"Sono tutti aspetti - sottolineano in Dimension Data - che possono essere gestiti con un approccio ibrido sebbene non esista un’unica modalità. Si tratta, infatti, di avviare un percorso di esplorazione, riconoscere le necessità del CIO, identificare i punti chiave necessari e definire una roadmap verso una trasformazione di successo per abilitare iniziative strategiche, infrastrutturali e tecnologiche".
Pubblicato il: 20/09/2016

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud