Deloitte: cloud verticale, blockchain per il business e cyber AI tra i trend del 2022

La nuova edizione del Report TechTrends individua le sette principali tendenze tecnologiche che riguarderanno le aziende nel corso di quest’anno

Tecnologie
Da Deloitte arriva la nuova edizione dei report Tech Trends, la numero 13, con le tendenze a livello tecnologico che caratterizzeranno le aziende e i dipartimenti IT nel corso del 2022. L’attenzione appare rivolta in particolare alla privacy e sicurezza dei dati, alla blockchain e agli strumenti di automazione dei processi e delle attività informatiche, ma non mancano le applicazioni di intelligenza artificiale e le tecnologie di frontiera per i prossimi decenni.  

Condividere i dati in privacy e sicurezza 

Deloitte prevede che nei prossimi 18-24 mesi sempre più organizzazioni cercheranno di sviluppare competenze per la condivisione dei dati in sicurezza, per monetizzare i propri asset informativi e per raggiungere nuovi obiettivi di business facendo leva sulle informazioni condivise da terze parti. In questa edizione, l’attenzione è rivolta in particolare alle tecnologie e tecniche innovative definite “privacy preserving computing”, in grado di liberare gli asset informativi di un’organizzazione dai tradizionali vincoli di privacy e sicurezza. Esempi sono la crittografia completamente omomorfica (FHE), la privacy differenziale e la crittografia funzionale.

data 12

Il cloud diventa verticale

Le aziende stanno sempre più cercando di “caricare” nel cloud i propri processi di business, per ottenere maggiore efficienza. In risposta, i grandi cloud vendor (in particolare gli hyperscaler), i software vendor e i grandi system integrator stanno sviluppando soluzioni cloud, acceleratori e API preconfigurati in modo da supportare use case comuni a livello di singolo settore. Nei prossimi 18-24 mesi Deloitte prevede che un numero crescente di organizzazioni inizierà a sperimentare come le soluzioni cloud “di settore” possono supportarli nel soddisfare i bisogni specifici dell’ambito in cui operano. In quest’ottica, Deloitte stima che il mercato globale delle soluzioni cloud “di settore” raggiungerà nei prossimi cinque anni i 640 miliardi di dollari.

Blockchain pronta per il business

Blockchain non significa solo cryptovalute e Non Fungible Token (NFT). Questa tecnologia si sta infatti diffondendo anche tra le aziende, superando l’iniziale scetticismo e aumentandone produttività. La sua crescente diffusione e utilizzo da parte di aziende in diversi settori (non solo quello finanziario) è guidata da un lato dalla diffusione di blockchain private e permissioned così come dal miglioramento della tecnologia stessa in termini di velocità e usabilità; dall’altro, è guidata dalla crescente interoperabilità dei sistemi e dallo sviluppo di ecosistemi tecnologici e di innovazione su questi temi.

Automatizzare l’IT su larga scala

Deloitte prevede che nei prossimi anni si assisterà sempre più ad un’automatizzazione dei dipartimenti IT, con una riduzione dei compiti manuali nella gestione di sistemi e architetture e nelle attività si sviluppo e deployment. Le opportunità di automazione per i CIO e i responsabili IT delle aziende sono riconducibili a tre aree: la prima riguarda la possibilità di standardizzare e automatizzare le infrastrutture on-premise, così che tutte le infrastrutture e le funzioni di gestione siano governate tramite codice; la seconda riguarda la possibilità di standardizzare e automatizzare software, tool di gestione e applicazioni, gestendo un codice software che a sua volta può gestire aspetti dello sviluppo, della manutenzione, del funzionamento e della sicurezza di un’applicazione; infine, la possibilità di ottimizzare i meccanismi di automazione implementati tramite regole e, in uno stadio più avanzato, grazie al machine learning. 
        

Cyber AI: una difesa reale

L’aumento dello smart e remote working e la crescente diffusione di dispositivi connessi stanno amplificando la pressione sui SOC e sugli analisti di cybersecurity nelle aziende. A fronte del crescente numero di minacce rilevate e delle possibilità di attacco da parte di hacker e cyber criminali, l’utilizzo di tecnologie di intelligenza artificiale e di machine learning può accelerare la rilevazione delle minacce, consentire un approccio proattivo alla cybersecurity e supportare gli analisti automatizzando compiti gravosi in termini di tempo, permettendo loro di svolgere attività a maggiore valore e aumentando la loro soddisfazione nei confronti del proprio lavoro.

data cloud

Lo stack tecnologico diventa fisico

Per decenni le organizzazioni e i dipartimenti IT si sono concentrati sulla gestione di strumenti, applicativi, framework, ecosistemi di dati, che rimandavano tutti ad uno stack tecnologico fisico composto principalmente dall’infrastruttura dei data center e dagli access point dei dipendenti. La diffusione delle tecnologie avanzate di connessione, della sensoristica, degli smart robot e del machine learning hanno allargato il tradizionale stack tecnologico a tutta una serie di nuovi dispositivi e asset fisici. Questi dispositivi, sempre più client-facing e mission-critical per le aziende, richiedono più alti livelli di affidabilità, sicurezza e uptime, così come nuovi strumenti, piattaforme e approcci per monitorare e gestire il loro corretto funzionamento.

Le tecnologie emergenti

Infine, Deloitte ha identificato tre tecnologie, che benché al momento ancora nelle fasi iniziali della loro diffusione e utilizzo, avranno un ruolo centrale nello scenario tecnologico e digitale dei prossimi decenni: le tecnologie quantistiche, con il quantum computing in pole position, l’intelligenza esponenziale, che permetterà all’intelligenza artificiale di distinguere se un collegamento tra dati è casuale o ha un significato intrinseco, e l’ambient computing, che fa riferimento a un insieme crescente di tecnologie e tecniche che rendono la realtà digitale accessibile agli utenti in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, “liberandola” dal vincolo delle tradizionali interfacce dei dispositivi digitali, come gli schermi di pc e smartphone.

telelavoro 7

“Nei due anni appena trascorsi il mondo si è dovuto riprendere dallo shock della pandemia e ora stiamo navigando verso una nuova normalità. Questo rappresenta un’opportunità per i reparti IT, per non tornare sui vecchi sentieri ma ripensare come muoversi in avanti ed evolvere. Nel report di quest’anno son raccolti diversi modi in cui le aziende possono innovare ed essere più efficienti, più competitive sul mercato. Le organizzazioni non vincono perché sono piccole o grandi, ma perché hanno strutture agili e resilienti”, commentano Lorenzo Cerulli e Francesca Tagliapietra, rispettivamente North & South Europe Technology Strategy & Transformation Leader e Partner e Technology, Media & Telecommunications Leader di Deloitte.
Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.

Notizie correlate

Speciali Tutti gli speciali

Speciale

Red Hat Summit Connect e Open Source Day

Download

La nuova cyber security: cosa ne pensano i CISO italiani

Speciale

Internet of Things in Italia: Sviluppo e Novità

Monografia

La sostenibilità al centro

Speciale

Software Enterprise

Calendario Tutto

Feb 16
Commvault Connections on the Road | Milano
Mar 22
IDC Future of Work
Giu 08
MSP DAY 2023 - 8/9 Giugno

Magazine Tutti i numeri

ImpresaCity Magazine


Leggi il Magazine

Iscriviti alla nostra newsletter

Soluzioni B2B per il Mercato delle Imprese e per la Pubblica Amministrazione

Iscriviti alla newsletter