Logo ImpresaCity.it

Microsoft pensa alle donne con l'iniziativa 'Il tuo lavoro alle tue condizioni'

Il 30 marzo l'azienda renderà noti i risultati della survey legata al progetto, lanciato in occasione della festa della donna, che gravita attorno a un minisito che propone un test per capire quanto si è propense al lavoro a distanza, una e-Guide rivolta alle donne imprenditrici e professioniste, testimonianze di donne che lavorano. Dal minisito è attivabile gratuitamente per un mese il servizio cloud Microsoft Office 365.

Lorenza Peschiera

Sarà il 30 marzo la data in cui Microsoft renderà pubblici i risultati della survey parte del progetto "Il tuo lavoro alle tue condizioni", lanciato dalla società in occasione della festa della donna, per aiutare le donne che lavorano a gestire meglio il loro tempo, a trovare un migliore equilibrio tra la vita privata e quella aziendale  e ad affrontare con efficacia il lavoro da remoto grazie a soluzioni tecnologiche ad hoc.
Anche se siamo nel terzo millennio, le donne si trovano ancora spesso a dover scegliere tra carriera e famiglia. Secondo Eurostat, la percentuale di donne lavoratrici in Italia è del 46,1% contro il 67,7% degli uomini. Inoltre, il tasso di occupazione femminile diminuisce in proporzione all'aumentare del numero dei figli. In base a dati resi disponibili da ManagerItalia e Istat, solo il 48% delle donne italiane con figli lavora, mentre il 27% delle donne lascia la propria occupazione dopo la nascita del primogenito.
Il progetto "Il tuo lavoro alle tue condizioni" gravita attorno a un minisito, attraverso il quale è reso disponibile un test per capire quanto si è propense al lavoro a distanza e una e-Guide, rivolta alle donne imprenditrici e professioniste, che contiene consigli utili per dare avvio a un efficace programma di lavoro remoto, caratterizzato da efficienza e flessibilità, aiutandole a trarre vantaggio dmicrosoft-1.jpgalle opportunità rese disponibili dall'innovazione tecnologica.
"Il progetto ‘Il tuo lavoro alle tue condizioni', che segue all'iniziativa 'Il tuo ufficio in tasca con Office 365', è una ulteriore testimonianza dell'impegno di Microsoft nel concretizzare  la propria visione basata su un nuovo modo di lavorare, che prevede flessibilità, responsabilità individuale, attenzione alle esigenze dei singoli, fiducia tra dipendenti e datori di lavoro", afferma Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia. "Questa strategia fa leva su soluzioni concrete che consentono alle donne di essere produttive anche da remoto, come Microsoft Office 365, servizio cloud attivabile gratuitamente per un mese dal minisito,  che rende disponibile le soluzioni della famiglia Office insieme a strumenti di comunicazione e collaborazione, per dialogare con persone interne ed esterne all'azienda, in ogni  momento e tramite qualsiasi dispositivo".
[tit: Strumenti utili non solo alle donne, ma a ogni lavoratore]
Il sito contiene anche testimonianze concrete di donne in carriera, mamme e non, che grazie agli strumenti Web proposti da Office 365 possono gestire con più flessibilità impegni professionali e personali, accedendo a posta elettronica, documenti, contatti e calendari da qualsiasi luogo, creando e condividendo file, collaborando su progetti, inviando e-mail, organizzando riunioni, partecipando a conferenze e meeting online tramite laptop, smartphone e altri dispositivi mobile. Alcuni brevi filmati raccontano anche l'esperienza di donne che lavorano in Microsoft, realtà in cui il 100% dei dipendenti ha a disposizione tecnologia utile per lavorare in modo flessibile anche da remoto.
Sono disponibili, inoltre, suggerimenti pratici dedicati a quattro profili professionali (project manager, architetto, avvocato, geometra), che, dal punto di vista di Microsoft, utilizzando Office 365, possono migliorare la propria attività.     
Secondo Chiti, le donne sono più pragmatiche degli uomini, interpretano in modo più pratico e utile la tecnologia, la concepiscono come uno strumento adatto per raggiungere degli obiettivi e non come oggetto fine a se stesso. Ma queste sono solo alcune sfumature che diversificano uomini e donne che lavorano, in realtà i punti in comune sono maggiori delle differenze. E se gli strumenti resi disponibili da Microsoft aiutano a ridurre i vincoli tra casa e ufficio e sono utili alle donne alle prese con gli aspetti connessialla maternità, in realtà possono diventare strategici per le persone di entrambi i sessi.
"Stiamo andando verso un nuovo modo di lavorare, in cui ai momenti in azienda si affiancano momenti di lavoro a casa", spiega Chiti. "Questa nuova modalità lavorativa deve essere caratterizzata dall'integrazione e da nuovi stili organizzativi. Si va verso un mondo in cui le persone potranno scegliere se seguire un meeting di persona, in ufficio, o da casa in videoconferenza. Office 365 aiuta a supportare esigenze di questo tipo, supporta le esigenze in ambito videoconferenza delle aziende con un livello di qualità elevata. Le imprese potranno anche ottenere vantaggi dal punto di vista del contenimento dei costi".
Intanto, i risultati che saranno diffusi il 30 marzo – ma il questionario sarà online anche successivamente a questa data - saranno utili per Microsoft, al fine di comprendere in quale direzione procedere e rendere disponibili servizi sempre più utili non solo alle donne, ma a tutte le persone che li adopereranno.
Pubblicato il: 27/03/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud