Logo ImpresaCity.it

Il Premier Monti ha inaugurato il Forum PA 2012

Il Presidente del Consiglio ha chiesto rispetto per i dipendenti pubblici: "L'insofferenza è immotivata: rischiano la vita".

Redazione ImpresaCity

"Rivolgo un ringraziamento a tutti i dipendenti della Pubblica amministrazione, che affrontano in questa fase di difficoltà generale particolari criticità, perfino rischi per la loro incolumità. La vicinanza e il supporto del governo sono incondizionati e costanti". Lo ha detto il premier Mario Monti, nel suo intervento in apertura del Forum della Pubblica amministrazione.
Il presidente del Consiglio, facendo riferimento alle recenti aggressioni a Equitalia e Agenzia delle entrate, ha difeso tutta la pubblica amministrazione.  
"Il fatto che membri della Pubblica amministrazione – ha aggiunto il premier - siano  chiamati ad operare con funzioni molto delicate, molto impopolari non significa che l'importanza di quelle funzioni sia meno essenziale e non significa che il rispetto che i cittadini devono loro sia diminuito, anche in una fase in cui è legittima una certa insofferenza dei cittadini per i costi complessivi e per la non ancora adeguata funzionalità complessiva della PA".
Poi il professore è tornato a parlare di crisi spiegando che l'Italia affronta ancora la fase 1 «con accenti di emergenza» ma ha «fatto grandi passi avanti rispetto a novembre quando l'Italia stessa era fonte di crisi».
"L'Italia si trova in due situazioni profondamente diverse - ha precisato Monti - oggi di nostro non contribuiamo alla crisi, ma ciò non toglie che se, malgrado il contributo che Stati Uniti, Italia e diversi Paesi europei stanno fornendo per risolvere la crisi questa dovesse tracimare, l'Italia si troverebbe con la coscienza pulita ma con i mercati finanziari molto turbati. Quindi è una fase 1 che continua - ha aggiunto Monti - precisando che la fase 2 dedicata alla crescita è iniziata fin dal primo giorno dell'attività di governo".  
Sui tagli, il premier ha puntualizzato: "l risultati della spending review non devono rappresentare uno sforzo una tantum, di durata effimera, ma devono entrare a far parte in maniera duratura e strutturale della cassetta degli attrezzi della Pubblica Amministrazione".
"Non sarebbe corretto o sarebbe quantomeno facile -ha aggiunto il premier- guardare alla revisione della spesa solo ed esclusivamente come taglio della spesa. Si tratta di cercare piuttosto una migliore allocazione delle risorse, che in un momento di difficolta come quello attuale può sì voler dire cogliere opportunità di risparmio, ma anche utilizzare in modo oculato e più efficiente le risorse che i cittadini, attraverso la tassazione, conferiscono allo Stato".
Pubblicato il: 17/05/2012

Tag:

Cosa pensi di questa notizia?

Speciali

speciali

Veeam On Forum 2018, il futuro iper-disponibile corre veloce

speciali

Phishing, Ransomware e Truffe E-Mail: è allarme per Office 365 e il cloud