Torna alla HomePage

Insight: innovazione IT a rischio per più della metà delle aziende europee

Una ricerca svela che la pandemia ha allargato il gap tra l’IT e il top management, con il 55% delle aziende che non ascolta la voce dei reparti IT

Autore: e. b.

Il monito viene da Insight, uno dei principali partner globali di Microsoft. Secondo una recente ricerca, il prolungato disallineamento tra reparti IT e management rallenta l’adozione delle nuove tecnologie e mette a rischio la risposta a lungo termine alla pandemia. Nonostante l'importanza dell'IT per il raggiungimento degli obiettivi strategici aziendali, quasi tre quarti delle imprese (72%) considerano l'IT una “commodity” invece che un fattore abilitante per il business, e solo il 22% del campione riserva ai manager delle aree dei sistemi informativi un posto nel consiglio di amministrazione. Questo atteggiamento ha conseguenze dirette per le aziende: il 55% delle organizzazioni non riesce a sfruttare le nuove tecnologie proprio perché non ascolta l'IT. 

insight ricerca

La ricerca, condotta su oltre 500 manager in 9 Paesi europei, Italia compresa, ha anche rilevato che la pandemia ha evidenziato i rischi di questa mancata sinergia tra IT e direzione aziendale. L'83% dei responsabili IT ritiene che le modalità di lavoro siano state trasformate in modo permanente. Tuttavia, a fronte di questa trasformazione, almeno il 61% delle organizzazioni è restia a investire in progetti che potrebbero migliorare l'esperienza dei dipendenti o ottimizzare il business perché ritiene che le cose alla fine torneranno alla "normalità", ovvero come erano nel periodo pre-Covid-19.  

Non affrontare questo problema espone al rischio che le aziende investano in progetti senza avere obiettivi chiari e condivisi, non riescano a comprendere l'impatto delle nuove modalità lavorative sui dipendenti, o fondino le proprie strategie su presupposti errati. Di conseguenza, queste imprese quasi certamente vedranno crescere il tasso di fallimento dei progetti legati all’innovazione a tutto vantaggio della concorrenza.

La pandemia ha determinato cambiamenti profondi e permanenti nel modo in cui molti di noi vivono e lavorano. Non assisteremo a un ritorno completo allo status quo ed è assolutamente imperativo che le organizzazioni si evolvano", ha sottolineato Pietro Marrazzo, Country Manager di Insight Italia. "Il rischio di sbagliare le decisioni di investimento è sempre molto alto. Un investimento errato in questo momento potrebbe rivelarsi più dannoso che mai, limitando le possibilità di adattarsi con successo ai nuovi modi di lavorare e fare affari. Colmare il divario tra i team IT e il management deve diventare un’assoluta priorità: occorre collaborare con i dipartimenti IT su una base più strategica e valutarne il contributo rispetto agli obiettivi aziendali". 

pietro marrazzo gennaio 2020Pietro Marrazzo, Country Manager di Insight Italia

Tra gli altri risultati della ricerca, è emerso che i team IT devono misurare il proprio impatto sull’andamento del business: l'81% dei reparti IT ha la libertà di investire nel miglioramento delle proprie competenze e l'82% è impegnato a supportare i progetti aziendali, anche se il 59% non viene misurato rispetto ai KPI aziendali. Non solo: le mancate competenze devono essere colmate per adottare con successo le nuove modalità di lavoro, con il 57% delle organizzazioni che afferma di dover accrescere gli investimenti nella formazione e nella tecnologia necessaria per supportare una forza lavoro a distanza, e il 60% che richiede maggiori investimenti nelle competenze e nella tecnologia necessarie per ottimizzare il business 

Inoltre, il disallineamento tra IT e management mette a rischio i progetti: il 67% delle imprese sta lavorando a progetti volti a migliorare l'esperienza dei dipendenti e il 55% a progetti per ottimizzare il business, anche se la convinzione che le cose torneranno alla "normalità" significa che molti di questi progetti non hanno il pieno supporto dell'azienda e che quindi abbiano maggiori probabilità di fallire. Infine, vanno considerati i costi del mancato coinvolgimento dell'IT: l'incapacità di interagire e ascoltare l'IT ha quasi certamente contribuito a una spesa media di oltre quattro milioni di euro per azienda, che nel biennio 2018-2020 sono stati investiti su progetti che non hanno raggiunto a pieno gli obiettivi previsti o che sono falliti del tutto. 

"Il modo in cui l'IT viene percepito e utilizzato all'interno delle aziende deve cambiare radicalmente. Non basta che il Consiglio di Amministrazione abbia i responsabili IT a portata di mano, è necessario che all’IT sia riservato un posto nel board. Altrimenti le aziende rischiano di perdere terreno in un momento in cui la tecnologia digitale sta guidando il cambiamento in tutti i settori. L'IT deve essere messo in primo piano e al centro, deve guidare il cambiamento organizzativo e assumerne la responsabilità diretta. Occorre dare voce all'IT nel consiglio di amministrazione per guidare la strategia e utilizzarne le competenze per supportare l'innovazione e individuare il percorso migliore per raggiungere gli obiettivi di business: solo così le aziende saranno in grado di affrontare le sfide del 2021 e oltre", conclude Pietro Marrazzo.

Torna alla HomePage

contatori