Logo ImpresaCity.it

Docker si sdoppia: cosa significa per il mercato

Mirantis assorbe la parte enterprise di Docker, per proporsi come alternativa a VMware e Red Hat

La notizia in sé è semplice. Docker ha venduto a Mirantis tutto il "blocco" definito enterprise collegato alla piattaforma per l'esecuzione dei container. Meno semplice è valutarne le conseguenze per il mercato della virtualizzazione. Anche per una ragione quasi paradossale. Docker è una piattaforma talmente di successo da essere diventata quasi invisibile, per le imprese che la usano. Tanto che molte probabilmente nemmeno ricordano che Docker è anche un'azienda. Che però non ha avuto lo stesso successo dell'omonima soluzione.

Docker in quanto tale è una piattaforma open source. Quindi può essere - ed è ampiamente - usata da chiunque. Ed inclusa in molti ambienti operativi on-premise e cloud, offerti da nomi quali Microsoft, IBM, AWS, Google e via dicendo. Docker è la piattaforma che ha di fatto "sdoganato" la virtualizzazione a container. Le funzioni per convertire le applicazioni in container esistevano già, Docker ne ha semplificato enormemente l'utilizzo.

Come per molti altri progetti open source, a partire da Linux, intorno a Docker si possono sviluppare offerte commerciali. Il cui valore non sta nella piattaforma in sé ma in un insieme di servizi e componenti associati. Docker come azienda è nata per offrire appunto questo, sotto forma della suite Docker Enterprise. Ma non ha avuto un successo proporzionale a quello di Docker in sé. Soprattutto perché non è riuscita a costruire intorno a Docker un ecosistema convincente di strumenti aggiuntivi.

artificial intelligence codes developing 1936299
Tanto per fare i due esempi più significativi, Docker Compose e Docker Swarm oggi sono nomi quasi dimenticati. Compose doveva servire alla configurazione e gestione automatizzata dei container. Un ruolo che molti oggi affidano al più trasversale Ansible. Swarm serve invece per gestire ed orchestrare cluster di container. Ma ha velocemente perso la sua battaglia contro Kubernetes, che oggi è il tool principe per questi compiti.

Un altro limite di Docker come azienda, ammesso ora esplicitamente, è la difficoltà di servire due categorie di utenti completamente diversi. O quantomeno di farlo in maniera profittevole. Docker infatti viene usato sia dagli sviluppatori indipendenti sia dalle grandi imprese, due ambiti con esigenze molto differenti. Da qui la decisione di separare le attività.

Docker continuerà a servire la community iniziale di utenti, ossia gli sviluppatori. Tutta la parte enterprise passerà a Mirantis, il cui business è basato sulla proposizione di uno stack completamente open source per creare e gestire container. Con anche l'opzione di ambienti Kubernetes-as-a-Service, per semplificare la vita agli utenti che sono spaventati dalla sua complessità.
container 2568956 1280Cosa cambia per il mercato della virtualizzazione a container? Per gli sviluppatori indipendenti poco o nulla. Questi avevano e hanno già le competenze per gestire i propri ambienti a container. E la rinnovata focalizzazione di Docker su questo ambito è un aiuto in più. Importante, non decisivo. Per le aziende lo scenario è potenzialmente più articolato. Dipende però da quale effettivamente sia la loro percezione di Docker. E il loro profilo di utilizzo. Mirantis ha infatti nel mirino un mercato molto preciso: le aziende che intendono creare on-premise ambienti di virtualizzazione a container.

In questo si contrappone esplicitamente a VMware e Red Hat, "accusate" di proporre soluzioni proprietarie e quindi a rischio di lock-in. Con Docker Enterprise acquista circa 750 clienti, uno staff tecnico esperto, alcune alleanze strategiche, i tool enterprise associati a Docker (ma è già indicato tra le righe che Docker Swarm andrà definitivamente in pensione tra un paio d'anni). Difficile dire oggi se questo possa bastare a scalzare aziende più grandi e più note dai progetti enterprise. Quantomeno da quelli per cui la connotazione "open source puro" di Mirantis non è già una discriminante decisiva.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 14/11/2019

Speciali

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio

Speciali

Check Point Experience 2019