Logo ImpresaCity.it

HPE: il futuro as-a-Service è pronto

HPE avvia la sua ridefinizione come la "edge-to-cloud platform as-a-Service company", puntando dal 2020 ad un modello in cui tutto è acquistabile come servizio

Redazione Impresacity

Qualche mese fa HPE aveva indicato il suo obiettivo a medio termine: diventare un'azienda completamente as-a-Service. Una scelta intuibile, quasi ovvia, per un'azienda software. Meno per una che ha una forte e fondamentale componente hardware, come HPE. Questa trasformazione dovrebbe completarsi entro il 2022. Ora HPE ha indicato, in un incontro con gli analisti finanziari, che il percorso per arrivare a quell'obiettivo inizia dai prossimi mesi, già nel 2020.

L'evoluzione prevista dal 2020 in poi poggia - ha spiegato Antonio Neri, CEO di HPE - su quelle messe in atto nei bienni precedenti. Una rifocalizzazione del business complessivo dell'azienda nel periodo 2016-2017. Una ancora più importante ridefinizione della sua visione di base nel periodo 2018-2019. L'obiettivo ora è passare ad un modello che garantisca una crescita sostenibile del business. Puntando appunto sulla solidità dei ricavi garantita dal modello as-a-Service.

La nuova HPE si definisce come una "edge-to-cloud platform as-a-Service company". Intendendo con questo due elementi chiave della sua visione attuale. Il primo è che i clienti hanno apprezzato la convenienza del modello as-a-Service e ora lo pretendono per qualsiasi cosa. Anche per le infrastrutture hardware. E bisogna essere in grado di offrire loro questa possibilità, perché è in tal senso che andranno comunque gli investimenti. Più abbonamenti e più spese a consumo, in sostanza, e meno spese di capitale.

hpe antonio neri pres
Lato tecnologia, invece, il punto chiave è che l'IT non si fa e non si farà nei data center ma sarà distribuita in un continuum di ambienti che va dal nuovo edge computing alle classiche infrastrutture centralizzate. E lo stesso accadrà per i dati, che saranno generati ed elaborati in grande prevalenza fuori dai data center e dal cloud. Non va dimenticato che per HPE il futuro è "cloudless", ossia fatto di una IT estesa e fluida, senza confini tra ambienti diversi.

Tutti i principali trend tecnologici attuali vanno verso uno scenario di infrastrutture delocalizzate e destrutturate. Il multicloud ibrido, una molteplicità di reti wireless, lo spostamento di dati e computing verso l'edge. Ma anche la focalizzazione dello sviluppo sui microservizi ed i container. E la creazione di applicazioni e servizi sempre più ottimizzati per i loro workload, ed integrati verticalmente.

È per gestire tutto questo con i modelli economici scelti dalle aziende clienti che bisogna diventare una "edge-to-cloud platform as-a-Service company". Il che, nella pratica, per HPE significa combinare le tecnologie "da periferia" di Aruba con il cuore hybrid cloud vero e proprio di HPE. Ed integrare tutto in un ambiente esteso ma unico: connettività, servizi cloud, automazione assistita dall'AI, orchestration, visibilità, sicurezza. In buona parte questo avviene grazie ad Aruba Central.

hpe evoluzione pres
Al cuore di tutto c'è il modello GreenLake, che non a caso qualche mese fa si era esteso proprio all'ambito di Aruba con una offerta definita di Network-as-a-Service. L'obiettivo adesso è portare tutto al modello GreenLake, trasformando così l'IT aziendale distribuita ed eterogenea in un complesso di servizi. Permettendo, secondo HPE, alle varie figure aziendali (CFO, CIO, sviluppatori) di concentrarsi non sulla gestione o sulle "technicality" ma su quello che effettivamente porta valore all'azienda.

Questa è una visione di scenario e tecnologia, ma anche di business. Il vantaggio per HPE è che la "servitizzazione" di tutto trasforma il flusso dei ricavi dell'azienda, in particolare il suo cash flow ed i suoi margini operativi. Le previsioni sono che la parte "a consumo" del business HPE cresca del 30-40 percento l'anno da qui al 2022.

Vedremo anche una maggiore attenzione dedicata alla parte, già importante, dei servizi finanziari. HPE Financial Services viene infatti considerata un elemento strategico per il cambiamento del modello di business. È grazie alla sua offerta, secondo HPE, che le aziende utenti possono mantenersi evolute tecnologicamente, acquisire risorse per nuovi servizi, adottare politiche di economia circolare.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 28/10/2019

Speciali

Speciali

Check Point Experience 2019

Webinar

Non aprite quella mail… come e perché continuiamo, tutti, a cadere nella stessa trappola