Logo ImpresaCity.it

Il 5G europeo senza Huawei e ZTE è più caro: 55 miliardi in più

Secondo la GSMA, eliminare i prodotti cinesi dal futuro 5G europeo significherebbe spendere molto di più e ritardare la creazione delle reti di un anno e mezzo

Redazione Impresacity

Un rapporto della GSM Association (GSMA) ha stimato il maggior costo che l'Europa dovrebbe sostenere nello sviluppo delle proprie infrastrutture 5G se seguisse l'esempio degli Stati Uniti e mettesse al bando, per ragioni di sicurezza, i prodotti di telecomunicazioni delle aziende cinesi. Il rapporto viene da una parte interessata - la GSMA comprende oltre settecento operatori mobili - e non è per ora pubblico, ma è stato sintetizzato dall'agenzia Reuters.

Secondo i calcoli della GSMA, eliminare i prodotti delle due principali aziende cinesi in campo TLC - Huawei e ZTE - porterebbe lo sviluppo delle reti 5G in Europa a costare, complessivamente, ben 55 miliardi di euro in più. Inoltre, lo sviluppo delle nuove infrastrutture mobili sarebbe ritardato di almeno un anno e mezzo.

Il maggior costo è legato a due fattori principali, ciascuno dei quali rappresenta circa la metà dei 55 miliardi da spendere in più. Il primo elemento da considerare è, banalmente, che i prodotti di Huawei e ZTE già installati dovrebbero essere rimossi e sostituiti, anche se non sono necessariamente parte delle reti 5G. Ci sarebbe poi da acquistare prodotti di rete 5G da fornitori non cinesi, ma questa riduzione forzata della concorrenza costringerebbe gli operatori mobili a spendere di più.

nokia 5g
Anche il rallentamento nello sviluppo delle reti è un elemento che gli operatori temono molto. Da un lato impatta fortemente in negativo sulle prospettive commerciali già non proprio garantite del 5G. Dall'altro porterebbe a un gap competitivo con gli Stati Uniti: secondo la GSMA, da qui al 2025 la penetrazione del 5G in Europa sarebbe di oltre 15 punti percentuali minore che negli USA.

Gli operatori europei sarebbero costretti a rallentare lo sviluppo delle reti 5G perché prima dovrebbero eliminare dalle loro infrastrutture tutti, o quasi, i prodotti di due aziende - Huawei e ZTE - che insieme fanno il 40 percento circa dello specifico mercato europeo. C'è poi da considerare che gli ordini di prodotti 5G si concentrerebbero su un numero minore di vendor - in primo luogo Ericsson, Nokia e Samsung - che difficilmente potrebbero farvi fronte in tempi rapidi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 07/06/2019

Tag: 5g huawei zte

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy