Logo ImpresaCity.it

HPE e Nutanix: è accordo globale per il cloud ibrido in modalità “as a Service”

Si amplia l’ecosistema GreenLake per dare ancora più libertà di scelta nella definizione delle strategie hybrid cloud

Redazione Impresacity

Hewlett Packard Enterprise e Nutanix hanno siglato un accordo di collaborazione per fornire una soluzione integrata di cloud ibrido as a Service (aaS).

L’offerta poggia sul software Nutanix Enterprise Cloud OS e sul suo hypervisor AHV integrato e gratuito, reso disponibile tramite HPE GreenLake, per fornire un cloud ibrido interamente gestito da HPE, riducendo in modo significativo il TCO e assicurando un time to value più rapido.  Non solo: nell’ambito dell’accordo, i partner di canale di Nutanix potranno commercializzare direttamente server HPE unitamente al software Nutanix Enterprise Cloud OS, offrendo così la possibilità di acquistare un’appliance integrata. 

La partnership tra HPE e Nutanix, sottolinea una nota, risponde alle sfide di oggi, che richiedono flessibilità, ampia scelta e agilità, offrendo un’alternativa allettante che riduce i costi e la complessità. L’offerta combinata fornirà un’infrastruttura cloud ibrida completamente gestita, resa disponibile in modalità as a Service e distribuita nei data center dei clienti o in strutture coabitative.

La combinazione di HPE GreenLake con il software Nutanix Enterprise Cloud OS è ideale per quei clienti che desiderano utilizzare la soluzione Nutanix, e la sua tecnologia hypervisor AHV, per supportare numerosi casi d’uso. Tra questi, vi sono i carichi di lavoro mission-critical e le applicazioni big data, nonché i carichi di lavoro virtualizzati di primo livello quali SAP, Oracle e Microsoft, oltre al supporto per applicazioni big data virtualizzate come Splunk e Hadoop.

Con GreenLake, HPE ha creato il mercato on-premise basato su consumo. Centinaia di clienti in tutto il mondo utilizzano GreenLake per godere dei benefici di un’esperienza cloud unita a sicurezza, governance e prestazioni applicative tipiche di un ambiente a on-premise, pagando il servizio in base al consumo reale”, ha sottolineato Antonio Neri, presidente e CEO di HPE.Oggi,HPE porta la sua leadership anche in questo mercato, offrendo una scelta aggiuntiva ai clienti che desiderano un’alternativa di cloud ibrido che fornisca una maggiore agilità a costi più bassi”.

I nostri clienti ci riferiscono che ciò che più conta per loro sono le applicazioni. La nostra partnership con HPE offrirà ai clienti di Nutanix un'ulteriore scelta per rendere invisibile la loro infrastruttura e concentrarsi così sulle applicazioni business-critical e non sulla tecnologia sottostante", ha commentato Dheeraj Pandey, fondatore, CEO e presidente di Nutanix. “Siamo lieti di collaborare con HPE a beneficio delle imprese alla ricerca della giusta soluzione di cloud ibrido per il loro business".

Le soluzioni frutto dell’accordo saranno disponibili nel terzo trimestre del 2019.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 09/04/2019

Speciali

Speciale

Stampa gestita: il Printing è sempre più servizio

Speciali

Check Point Experience 2019