Logo ImpresaCity.it

WatchGuard, un tour per promuovere la sicurezza nel wi-fi

“Trusted Wireless Environment” è il nome di un’iniziativa lanciata dalla società di security per definire uno standard globale a livello di intero settore

Edoardo Bellocchi

La premessa è molto semplice. Il wi-fi esiste da circa vent’anni, ma i sistemi sono in larga parte sempre gli stessi, e la sicurezza si concentra soprattutto su aspetti quali i ransomware o altre minacce, che però riguardano soprattutto i computer. È da questo assunto che parte l’idea di WatchGuard di promuovere l’iniziativa Trusted Wireless Environment, volta a cambiare lo status quo che per troppo tempo ha visto il settore wi-fi concentrato a privilegiare le prestazioni rispetto alla sicurezza. Non è un mistero che gli hacker continuino ad approfittare di questa situazione, sfruttando le lacune di sicurezza del wi-fi, che tuttora vedono la maggior parte dei vendor incorporare tipi di sicurezza molto diversi nei loro prodotti, con soluzioni che non proteggono dall'intero spettro delle minacce. 

Tour di sensibilizzazione

WatchGuard, attiva da sempre nella sicurezza, crede molto in questo progetto, tanto che ha organizzato una campagna di sensibilizzazione sul tema. Il testimonial privilegiato è Ryan Orsi, Director of Product Management di WatchGuard, che ha intrapreso un tour per incontrare clienti, partner e stampa. Prima tappa europea è stata quella di Milano a fine marzo, nella quale Ryan ha spiegato le ragioni della necessità di definire uno standard globale per la sicurezza del wi-fi. Quello che soprattutto serve è che “non basta avere un solo vendor che risolve il problema, ma è necessario che tutta la comunità dei vendor affronti il layer della sicurezza del wi-fi, e non solo diverse porzioni del problema”, ha sottolineato. Anche perché il vero punto è che “tutti utilizziamo il wi-fi, ma solo pochissimi sono in grado di capire che vi è stata una violazione: per questo sono gli standard che devono cambiare, e non si tratta di cambiare le password oppure di aggiungere altro software, ma proprio di ripensare la sicurezza degli Access Point, che sono una superficie di attacco molto ampia”, ha proseguito Orsi.  
twe 3

Superficie di attacco

Nel dettaglio, spiega WatchGuard, la superficie d’attacco wi-fi al layer due del modello ISO/OSI è data dai punti di accesso e dai router che trasmettono i segnali. Per risolvere questo problema, serve influenzare le persone che acquistano questi dispositivi. Proprietari di aziende, utenti domestici e professionisti della sicurezza e delle reti dovrebbero chiedere ai fornitori e ai service provider che hanno venduto loro AP e router se soddisfano questi standard di sicurezza emergenti che abilitano ambienti wireless affidabili. Questa semplice domanda assicurerà che più aziende abbiano i loro prodotti wi-fi testati per la sicurezza da società indipendenti e imparziali e che col tempo aumentino le capacità di sicurezza delle reti wi-fi a beneficio di tutti. 

Agire sulla domanda

Agire sulla domanda da parte dei clienti è proprio il punto centrale dell’iniziativa Trusted Wireless Environment promossa da WatchGuard, con una petizione nella quale si chiede a tutto il settore di dare priorità alla sicurezza negli standard e nei prodotti wi-fi. Lo scopo è anche quello di superare l’attuale ambiguità nel mercato della sicurezza del wi-fi, che oggi rende spesso difficile stabilire quale soluzione sia in grado di garantire protezione dalle minacce. È proprio qui che entra in gioco il framework Trusted Wireless Environment propugnato da WatchGuard, che definisce sinteticamente i componenti tecnologici di cui una rete wi-fi ha bisogno per fornire alte prestazioni, gestione scalabile e protezione dalle sei categorie di minacce conosciute. 
twe

Report dettagliato

Fino a poco tempo fa, spiega WatchGuard, non esisteva alcun metodo standard per testare l'efficacia della sicurezza degli access point wi-fi, ma la società indipendente di consulenza IT e di test di sicurezza Miercom ha recentemente eseguito i primi test sulla sicurezza del Wi-Fi sui più diffusi produttori di AP: Cisco Meraki, Aruba, Ruckus e WatchGuard. Il report di Miercom espone la valutazione eseguita sulle funzionalità di sicurezza dei diversi prodotti wi-fi, descrivendo in dettaglio i problemi della sicurezza integrata di molti access point, per contribuire a definire i requisiti per la creazione di un framework per un ambiente wireless affidabile.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Pubblicato il: 29/03/2019

Speciali

speciali

I tanti volti del backup in cloud

speciali

Backup & Storage 2019