Logo ImpresaCity.it

Cos'è Google Adiantum, la proposta di Google per la cifratura IoT

Google Adiantum è una soluzione pensata per i dispositivi Android e IoT che hanno poca potenza di calcolo ma devono proteggere le loro informazioni

Redazione Impresacity

La protezione delle informazioni è un fattore sempre più critico in qualsiasi ambito dove l'informatica gioca un suo ruolo. La cifratura dei dati è la soluzione più ovvia, ma è difficile applicarla nel caso di dispositivi che abbiano poca potenza di calcolo e non siano dotati di hardware specifico per la crittografia. È il caso di molti smartphone, anche se vi conserviamo sempre più informazioni, e il ragionamento vale anche per i nuovi dispositivi del mondo Internet of Things.

Google ora propone una sua soluzione a questo problema: si chiama Google Adiantum ed è un nuovo metodo crittografico da utilizzare nella cifratura delle informazioni conservate nello storage degli smartphone e di altri device basati su Android. Una curiosità: Adiantum prende il nome dal genere delle felci, che nel linguaggio dei fiori rappresentano la sincerità e la discrezione. Una buona sintesi dei valori della crittografia, in un certo senso.

Quando è possibile, spiega Google, la cifratura nei dispositivi Android viene eseguita secondo il protocollo Advanced Encryption Standard (AES) e utilizzando le funzioni crittografiche dei processori ARMv8. Questo approccio però non è praticabile nei sistemi meno potenti: AES è un protocollo "pesante" che li rallenterebbe troppo.

adiantum
Google Adiantum è stato sviluppato ispirandosi ai sistemi utilizzati per la cifratura delle connessioni Internet, quindi ad HTTPS. La encryption delle connessioni HTTPS utilizza operazioni che qualsiasi processore sa gestire e non richiede quindi hardware dedicato. I sistemi standard di cifra usati in questo ambito non sono direttamente applicabili alla cifratura dello storage, Google li ha adattati allo scopo e così è nato Adiantum.

La cifratura e la decifratura mediante Google Adiantum sono, secondo Big G, cinque volte più veloci rispetto all'utilizzo di AES. Google ha usato processori ARMv7 come piattaforma di riferimento, ma è lecito supporre che Adiantum dia prestazioni interessanti anche su sistemi ancora meno potenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con le notizie di ImpresaCity.it iscriviti alla nostra Newsletter gratuita.
Se vuoi ricevere le notifiche delle notizie più importanti della giornata iscriviti al canale Telegram di ImpresaCity al link: t.me/impresacity
Pubblicato il: 08/02/2019

Speciali

Speciali

Gli ERP nell’era della trasformazione digitale

Speciali

NetApp Data Driven Academy