Forum Gdpr

Il GDPR, tassello fondamentale nel puzzle della fiducia

Il GDPR rientra in una visione nuova e concreta della "digital trust", un elemento critico data la pervasività della tecnologia nelle nostre vite

Autore: Redazione ImpresaCity

Se il 2017 ha visto molti sviluppi attorno al tema della privacy dei dati - dalla definizione delle diverse attività di compliance che ruotano attorno al GDPR, alla legge sulla protezione dei dati in Giappone e l'inizio delle discussioni tra UE e Giappone sull’adeguamento, fino alla revisione del Privacy Shield tra Europa e Stati Uniti e a tutte le domande sulla protezione dei dati lasciate aperte in UK nello scenario post Brexit - il 2018 sarà ancora di più l’anno del cambiamento nella tutela dei dati personali e la parola chiave per affrontarlo sarà “fiducia”.

La famosa scadenza del GDPR arriverà a maggio dopo un lungo processo legislativo e al termine dei due anni previsti per l’adeguamento. Molte organizzazioni sono già sulla buona strada per mappare le rispettive procedure di conformità, ma i dubbi sono ancora tanti perché rimangono ancora molte domande aperte, a volte senza risposta, rispetto alle varie disposizioni e la loro attuazione.

Guardando indietro possiamo dire con certezza che il legislatore ha operato con l’obiettivo di cercare di fornire un senso globale di quello che dovrebbe essere l’orientamento complessivo sul tema della privacy dei dati. È spettato poi alle autorità europee per la protezione dei dati lavorare attivamente per fornire delle linee guida sui singoli argomenti più importanti come la violazione dei dati, il consenso, e altro.

computer gdpr
Questa ulteriore chiarezza è stata molto apprezzata in quanto in grado di fornire un'indicazione più precisa dei requisiti di attuazione, ma lo scenario è molto dinamico e probabilmente nel corso del 2018 nuove domande emergeranno, insieme a nuove tecnologie e minacce. In un contesto così complesso, sarà cruciale avviare una forte partnership che veda coinvolte tutte le parti interessate per identificare e affrontare le diverse criticità.

Il GDPR e tutte le altre iniziative legislative globali avviate in questo campo rappresentano, in realtà, solo dei tasselli di un puzzle estremamente più complesso e più grande che riguarda il ruolo cruciale della fiducia in un mondo sempre più digitale, aspetto riconosciuto come fondamentale anche a Davos durante i lavori della 48esima edizione dell'assemblea annuale del World Economic Forum.

Come ha spiegato anche il CEO di CA Technologies, Mike Gregoire, nel suo ruolo di presidente del IT Governors Steering Committee del World Economic Forum, l’industria tech può rappresentare la chiave per sostenere e ridare fiducia. Gregoire ha dichiarato: “Abbiamo raggiunto la nostra adolescenza digitale, ma oggi, vista la pervasività della tecnologia nelle nostre vite, dobbiamo considerare come sviluppare una relazione più matura con essa".

gdpr

Proprio l'imminente regolamento generale sulla protezione dei dati è un esempio eccellente di un approccio completo e necessario alla gestione e alla leadership dei dati responsabili. È evidente che non c'è nulla di intrinsecamente "cattivo" nella raccolta ed aggregazione di dati personali da parte di un'azienda: se viene sfruttata per offrire interazioni personalizzabili rappresenta di certo un valore aggiunto, è una ricerca molto utile sia per l'azienda che per l’utente finale. Le organizzazioni, però, devono essere trasparenti sul loro utilizzo dei dati e costruire la privacy (e la sicurezza) all’interno dei propri prodotti e servizi. Una relazione matura, infatti, include una maggiore trasparenza sulla raccolta dei dati e una maggiore protezione attorno ad essa.

Nei prossimi mesi, quindi, le organizzazioni pubbliche e private dovranno continuare a impegnarsi per ottenere e mantenere alta la fiducia. Il GDPR si rivelerà fondamentale per raggiungere questo obiettivo e con così tanti tasselli sul tavolo, il 2018 si rivelerà un anno chiave per testare, adattarsi e cambiare.

Per saperne di più seguite questo link.