I processori Arm diventano giapponesi

I processori Arm diventano giapponesi

La holding nipponica Softbank ha rilevato l’azienda di Cambridge con un premio per azione del 43%

di: Alesssandro Andriolo del 18/07/2016 12:40

Technology
 
Il Giappone entra a gamba tesa nella Brexit, facendo il gioco dell’ampia fetta di opinione pubblica uscita vincente dal referendum dello scorso 23 giugno. Softbank, conglomerata nipponica di tecnologia e telecomunicazioni, ha annunciato nella mattinata di oggi di aver rilevato il colosso dei processori Arm Holdings per circa 30 miliardi di euro (24,3 miliardi di sterline).

Immediata la reazione di una parte del governo britannico, che ha sottolineato come l’isola resti comunque attrattiva per gli investitori. Secondo quanto si apprende dai dettagli dell’accordo, il numero uno di Softbank, Masayoshi Son, avrebbe chiuso la trattativa con gli inglesi concordando un premio per gli azionisti dell’azienda di Cambridge pari al 43 per cento rispetto al valore del titolo in Borsa. Si tratta di un plusvalore di circa 1.700 pence in contanti per ogni titolo posseduto.

La cessione della società è già stata approvata dal board di Arm, motivando la decisione repentina anche col fatto che le intenzioni di Softbank sono quelle di raddoppiare il personale nel Regno Unito nei prossimi cinque anni, lasciando inoltre il quartier generale sull’isola con lo stesso management. Per la holding nipponica è la più grande operazione finanziaria di sempre e il gruppo del Sol Levante si può posizionare ora come uno dei principali attori nel mercato dei processori. Il vendor di Cambridge, che a differenza di altri produttori non realizza i chip ma vende le licenze dei propri design a terzi, è ad oggi il primo nome al mondo nel campo degli smartphone e sta battagliando duramente con Intel anche nel comparto server.

L’obiettivo della compagnia guidata da Masayoshi Son, che in passato ha rilevato quote nell’operatore statunitense Sprint e nel gigante dell’e-commerce cinese Alibaba, è ora quello di approfittare delle ghiotte torte messe in vetrina da nomi come Apple, Samsung e Qualcomm, le cui soluzioni in silicio per gli smartphone sono basate proprio sull’architettura Arm, capace di assicurare alte prestazioni con consumi energetici molto ridotti. Il gruppo britannico, comunque, commercializza anche piattaforme software e altri componenti hardware per il debugging con i marchi Realview e Keil.

Secondo gli analisti, la decisione di Softbank di intervenire in maniera così decisa su Arm (che non era in cerca di compratori), indipendente dalla Brexit, rappresenta una chiara svolta strategica, in quanto il gruppo giapponese era solito prendere il controllo di realtà minori rilevano quote di maggioranza del capitale.
Tag notizia:

Potrebbe anche interessarti:

 

Cosa ne pensi di questa notizia?

Attualità

...continua

Opinioni e Commenti

...continua
 
 
 

Vota